Barack Obama è nato negli Stati Uniti. Ma non è solo gossip

A rischio la Casa Bianca di Barack Obama qualora l’attuale Presidente degli Stati Uniti in carica non fosse nato su suolo statunitense. Non si tratta solo di pregiudizi e gossip, la Costituzione americana recita chiaramente dell’impossibilità per un non-nato su suolo statunitense di correre alla Casa Bianca.

La cittadinanza americana per i nati da genitori statunitensi non è un problema, i nuovi nascituri figli di almeno un genitore possedente passaporto USA non avranno problemi ad ottenerla. Con quella cittadinanza potranno poi correre a cariche federali (così come anche i cittadini naturalizzati, vedi Arnold Schwarzenegger Governatore della California) ma non alla Casa Bianca.

E così se Barack Obama, figlio di madre texana e padre kenyota, fosse effettivamente nato fuori dal suolo statunitense sarebbe stata a rischio tutta la sua presidenza, salvo leggine salva-Premier.

Per sedare però tutte le polemiche in merito Barack Obama esordisce con una mossa che spiazza i suoi detrattori (c’è addirittura un libro investigativo in uscita nei prossimi giorni dal titolo “Dov’è il certificato di nascita?”) ed esibisce questo tanto attesto certificato.

Barack Obama è nato alle Hawaai, e quindi su suolo statunitense. Il certificato di nascita non da adito a ulteriori dubbi, anche se c’è stato subito chi ha insinuato si trattasse di un falso, messo a punto in maniera certosina dai Servizi Segreti per garantire che Obama potesse restare in carica senza problemi.

Congetture, ipotesi, ma l’unico dato certo è quel pezzo di carta. Un foglietto più piccolo di un A4 destinato a sedare definitivamente l’ultima polemica made in USA.

Check Also

Allarme bomba alla Casa bianca, ultime notizie 19 marzo 2017: fermato un sospetto

CASA BIANCA ALLARME BOMBA (ULTIME NOTIZIE 19 MARZO 2017) Un’Ansa degli ultimi minuti riporta news …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Stati Uniti devastati da 138 cicloni, 77 morti e milioni di danni

Stati Uniti del sud devastato da ben 138 (centotrentotto!) cicloni. Gli stati di Alabama, Georgia...

Chiudi