Carmela Melania Rea, l’assassino è donna? Isolati due Dna da siringa

OMICIDIO CARMELA MELANIA REA ULTIME NOTIZIE AGGIORNAMENTI ASCOLI PICENO – Non c’è ancora una svolta nelle indagini sulla morte di Carmela Melania Rea, la donna 29enne scomparsa da Ascoli Piceno due settimane fa e ritrovata dopo due giorni in un bosco vicino Teramo. Sulla siringa ritrovata conficcata nel petto della donna sono stati trovati due Dna, uno maschile e uno femminile. Quello maschile, stando alle prime indiscrezioni, non apparterrebbe al marito, Salvatore Parolisi, sospettato numero uno.

TESTIMONIANZE – Intanto le testimonianze sul rapporto tra i due coniugi diventano sempre più numerose. C’è chi afferma che tra i due non ci fossero più problemi coniugali dopo la scappatella di lui durante la gravidanza della moglie. C’è chi invece continua a sostestenere che tra i due il rapporto era in crisi da molti mesi, anche a causa della sua morbosa gelosia che costringeva la ragazza a stare chiusa in casa. Tra le ultime ipotesi spunta quella secondo cui Carmela non sarebbe mai stata in quel bosco, ma portata lì in un secondo momento. Tutte le ipotesi al momento vengono considerate dagli inquirenti.

Check Also

Di Battista non si ricandida? Ecco i veri motivi che nessuno ha capito

Gli editoriali andrebbero scritti sempre il giorno dopo. E’ quel minimo di decantazione che basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Libia, voto alla Camera per quattro mozioni, Pdl-Lega uniti

La Lega vuole stabilire quando finirà in Libia, ignorando che la guerra è come il matrimonio: si sa quando comincia,...

Chiudi