Celentano Servizio Pubblico

Celentano Servizio Pubblico: video intervista, puntata 23 Febbraio

Celentano Servizio Pubblico

Celentano fa il bis televisivo a Servizio Pubblico, in un’intervista (video a fondo pagina) nella puntata di ieri, 23 Febbraio 2012. E lascia perplessi il fatto che Santoro abbia scelto di dedicare spazio al post-Sanremo. Già il Festival non ha niente a che vedere con il servizio pubblico: ricamarci sopra a distanza di giorni, invece di archiviarlo alla svelta, è davvero troppo. Serviva Sanremo come scusa per fare le pulci alla Rai, per ribadire che la televisione pubblica è in balia dei capricci dei politici (in particolare di quelli al governo)?

O forse Santoro ha tentato, alla stregua della Rai, di giocarsi il jolly Adriano Celentano per dare una spintarella agli ascolti, in calo una volta evaporata la curiosità per gli esordi di Servizio Pubblico? Sia come sia, lo sbadiglio è garantito. Celentano parla di Paradiso, ma sembra parecchio preso dalle vicende terrene. L’intervista è una sostanziale autoapologia, con carezza finale per Beppe Grillo e il suo Movimento 5 Stelle. Viene in mente una lunga lista di argomenti più interessanti e più importanti, di cui il Servizio Pubblico (più di nome che di fatto) di Santoro avrebbe potuto  occuparsi.

Fra le assortite beghe nostrane, i massacri in Siria, la tensione sempre più incandescente fra Israele e Iran, davvero le nostre massime preoccupazioni dovrebbero essere Sanremo, il canone Rai, la qualità della sua dirigenza e le smanie mistiche di un cantante 74enne? La frase di Bergman (“Spero di non diventare mai così vecchio da diventare religioso”) sembra calare su Celentano come un velo pietoso confezionato su misura.

“Non possiamo non essere felici, – ha spiegato Celentano a Servizio Pubblico – qualunque sia la nostra condizione qui sulla terra. Però non dobbiamo perdere la memoria, altrimenti ci allontaniamo troppo dal luogo dove c’è la festa. Questo sarebbe grave perché, se ci allontaniamo troppo, poi non riusciamo più a percepire i festosi rumori che ci arrivano portati dal vento del creatore”. Dobbiamo davvero sentirci dire cose del genere da un vecchio cantante milionario che si gode la pace della provincia di Lecco, nella serenità delle 8.701 anime di Galbiate? Immaginiamo queste parole dette come voci fuoricampo in un video, mentre passano le immagini delle guerre civili in Africa, delle repressioni in Siria, di un barbone che muore di freddo, di una bambina sepolta nella carcassa di una nave naufragata. E noi non possiamo non essere felici? Sii felice tu Adriano, a te la ruota ha girato bene: gran parte degli esseri umani non  è felice proprio per niente. E a pieno diritto.

Video Servizio Pubblico – Intervista ad Adriano Celentano – puntata 23 Febbraio 2012

[youtube id=”FJdzcE688UI”]

Check Also

Gioco illegale terrestre: la seconda faccia del gaming

Sul mercato mondiale ogni anno gli scommettitori spendono circa 400 Milioni di euro, alimentando un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Francesco e Teresanna
Uomini e Donne anticipazioni: Teresanna è già la scelta di Francesco?

Francesco Monte e le anticipazioni Uomini e donne sul trono blu e Teresanna! Archiviato il...

Chiudi