Da oggi non solo “Mose, expo, mafia capitale”, si aggiunge TAV

CORRUZIONE, MALAFFARE – E’ da qualche mese che, quando si voleva descrivere l’operato della classe mala-politica, si usavano queste tre sigle, a massima espressione delle infiltrazioni malavitose nel vissuto di Stato: “Mose, Expo, Mafia capitale”. Da questa mattina, 16 Marzo 2015, si potrà aggiungere una nuova altisonante sigla, alla lista delle opere su cui è conclamata un’indagine delle procure, con qualche manetta al seguito, la TAV.

L’indagine parte dalla Procura di Firenze, e ha colpito a Roma e Milano con 4 arresti ed almeno una cinquantina di indagati, grazie alla mano ferma dei carabinieri del Ros. L’accusa è gestione illecita degli appalti nelle Grandi Opere. Si tratta, secondo chi ha condotto le indagini, di un “sistema corruttivo articolato”. A finire in manette Ercole Incalza, al secolo super dirigente del ministero dei Lavori Pubblici, ed il suo collaboratore Sandro Pacella. Gli altri due ammanettati sono gli imprenditori Francesco Cavallo e Stefano Perotti.

tav_mugello

INDAGATA LA POLITICA – Tutti “frequentatori dei ministeri”, e in particolare Pacella, ad oggi ancora funzionario del ministero dei Lavori Pubblici, a stretto contatto con Ercole Incalza, che vanta una lunga carriera politica sotto i colori più disparati. Arrivato nel 2001 a Palazzo Chigi come capo di segreteria tecnica sotto il governo Berlusconi, Incalza avrebbe “festeggiato” l’anno venturo il quindicesimo anno di permanenza nei palazzi del potere. Sopravvissuto al governo Prodi, permane nell’ennesimo governo Berlusconi, confermato da Corrado Passera per il governo Monti, e ancora poi da Lupi (sia governo Letta che Renzi). L’accusa è incentrata principalmente su di lui, definito dagli inquirenti “potentissimo dirigente” del ministero e “priuncipale artefice del sistema corruttivo”, un autentico “dominus” della struttura tecnica del ministero.

LA TAV – Le indagini sono partite e coordinate da Firenze per una ragione ben precisa, tutto nasce da un filone interessante gli appalti per l’Alta velocità in Firenze, e il piano di sotto-attraversamento della città toscana. In realtà la TAV di Firenze non è nuova alle procure, già nel 2013 Maria Rita Lorenzetti, dirigente Italferr di area centrosinistra, viene posta agli arresti domiciliari, con le accuse di associazione per delinquere, abuso di ufficio, corruzione e traffico di rifiuti, nell’ambito di una indagine sulla TAV fiorentina. Dalle indagini svelate oggi sembra emergere che il malaffare nella TAV Firenze non fosse affatto stato sventato.

Commenti

Check Also

esplosione a Roma

Esplosione a Roma, crollo di una palazzina

ULTIME NOTIZIE ROMA (8 MAGGIO 2016) – L’esplosione si è verificata stamattina, intorno alle ore …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Rappresentazione artistica del tassista rissoso
Roma, tassista minaccia collega con una katana

Roma Termini, la leggendaria spada giapponese utilizzata da un tassista per intimorire un collega. Accadeva...

Chiudi