Finmeccanica: nuovo scandalo, tangente da 51mld euro, arrestato Orsi

Finmeccanica, arrestato presidente Orsi, si indaga su tangente da 51 miliardi di euro per commessa in India.

Il metodo Finmeccanica fa il suo ritorno, dopo l’indagine delle “zucchine” (Ottobre 2011), e quella di Ottobre 2012 per il lavoro di Finmeccanica in Brasile, ora è la volta dell’India, e questa volta Orsi non la scampa: arrestato.  
Trafiletto di Ottobre 2012: L’ex ministro Claudio Scajola risulta indagato nel filone dell’inchiesta della procura di Napoli sulle forniture Finmeccanica in Brasile. A quanto si e’ appreso, i pm ipotizzano il reato di corruzione internazionale in riferimento ad un suo presunto tentativo di mediazione nell’ affare. E’ indagato anche il suo portavoce Nicolucci. 

E ancora, a Ottobre vennero fuori il nome di Berlusconi (intercettato in affaire Finmeccanica), di Valter Lavitola, contatto panamense per Finmeccanica, e di altre figure della politica.

“Il Sistema”, come lo chiamarono Repubblica e Il Fatto:
E le tre questioni giudiziarie che la definiscono, pure divise per competenza tra le Procure di Napoli (le commesse a Panama e in Brasile, come pure quella sfumata in Indonesia), Busto Arsizio (la fornitura per 560 milioni di euro di 12 elicotteri al governo Indiano), Roma (le asserite consulenze di favore alla ex moglie del ministro dell’Economia Vittorio Grilli, per le quali il ministro avrebbe dovuto essere sentito in questi giorni dal procuratore aggiunto Alberto Caperna, se non fosse stato che a rinviare la testimonianza è stata la sua morte improvvisa) vedono al centro del canovaccio sempre uno stesso convitato di pietra. Giuseppe Orsi. Ora come ex ad di Agusta. Ora come ad di Finmeccanica. Sempre e comunque custode di un Sistema ereditato dalla stagione Guarguaglini. 

Giorni nostri:

Il presidente di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, e’ stato arrestato. Il provvedimento e’ stato emesso dal gip del tribunale di Busto Arsizio. (ANSA)

L’accusa nei confronti di Orsi è di corruzione internazionale, peculato e concussione, per le presunte tangenti che sarebbero state pagate per la vendita di 12 elicotteri al governo indiano. Il gip di Busto Arsizio ha disposto anche gli arresti domiciliari per l’ad di Augusta Westland, Bruno Spagnolini, con le stesse accuse.

Mario Monti – Per Finmeccanica “c’é un problema relativo alla governance che affronteremo”. Lo ha detto Mario Monti intervenendo a Uno Mattina, alla luce dell’arresto di Giuseppe Orsi per corruzione internazionale.

Salto indietro:

15 Novembre 2011 – Finmeccanica, perdita record da 767 milioni, cancella il dividendo e sprofonda in Borsa. Insomma, l’azienda non solo pagherebbe  tangenti a destra e a manca, ma questa neanche funzionerebbe come soluzione per risollevarla da una situazione di perdite inammissibili.

Ma già nel 2011 indagini su Finmeccanica avevano fatto emergere un sistema malato, su scala nazionale

I verbali del super-consulente Cola: “Guarguaglini sapeva tutto”. “Portai a Borgogni 250 mila euro in contanti ricevuti da Selex. Servivano a pagare gli esponenti dei partiti che avevano nominato i vertici di Enav. Quando parlavo con  il presidente l’attività di sovraffatturare per creare fondi neri e versare le mazzette veniva anche definita ‘fare i compiti’.

ROMA (2011) – La Finmeccanica di Pierfrancesco Guarguaglini è stata la “tasca” della Politica. Dal nero creato da alcune delle società controllate dalla holding sono state ritagliate in questi anni le provviste – “le zucchine” – per sedare gli appetiti del Palazzo. “Guarguaglini sapeva”. Ma quel termine volgare – tangenti – “era bandito dalle discussioni”. Quando si pagava e si truccavano i bilanci, si preferiva dirlo con un più morbido “abbiamo fatto bene i compiti”.

BUSTE CON I SOLDI (2011) – “Nella seconda occasione – prosegue Cola – portai a Borgo-gni 250 mila euro in contanti, che mi aveva dato per lui Paolo Prudente di “Selex”. Io mi trovavo infatti in Selex e Prudente mi disse, sorridendo, che gli avrei risparmiato l’incomodo di portare a Borgogni 250 zucchine. Questi soldi gli servivano per pagare i politici che avevano nominato i vertici di Enav. Già un paio di anni prima, infatti, avevo assistito a un’accesa discussione tra Borgogni e Prudente, in cui Borgogni rimproverava Prudente perché diceva che i politici che avevano provveduto alla nomina dei vertici di Enav si lamentavano con lui. 

ERRATA CORRIGE : Trattasi ovviamente di tangente da 51 milioni, non da 51 miliardi.

Check Also

incidente treno Napoli

Incidente treno Napoli: giovani investiti sui binari

ULTIME NOTIZIE NAPOLI (16 MAGGIO 2016) – Raffaella Ascione, 20 anni, è morta investita da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Dimissioni Papa
Dimissioni Papa: tre mesi fa, Ratzinger operato al cuore segretamente

DIMISSIONI PAPA - Fra i vari retroscena sulle dimissioni di Papa Benedetto XVI (non ultime...

Chiudi