Gatti fluorescenti: contro l’Aids, con gene medusa

Gatti fluorescenti. Felini che si illuminano al buio per combattere l’Aids? Nel terzo millennio si può questo ed altro. La clinica Mayo di Rochester, Usa, ha realizzato dei gatti transgenici. Nel dna dei gatti sono stati inseriti dei geni delle meduse, dotate per natura di fluorescenza. L’esperimento è stato condotto dai ricercatori del College of Medicine di Rochester, Minnesota, Usa. Alla ricerca hanno collaborato gli studiosi della Yamaguchu University, Giappone. I risultati dell’esperimento sono stati pubblicati su Nature Methods, rivista del settore.

L’esperimento non ha naturalmente uno scopo estetico (anche se scommettiamo che in molti già vogliono il loro micetto fluorescente…): i luminari del Minnesota vogliono rendere i gatti immuni al virus Fiv, immunodeficienza felina. Si tratta di una malattia molto simile all’Aids per gli umani. L’obiettivo finale, come è intuibile, è di arrivare in futuro a rendere immuni dal virus gli stessi umani. Per questo nei gatti dell’esperimento non sono presenti soltanto geni della medusa, ma anche quelli di scimmia: i primi tre cuccioli sembrano esere immuni, l’esperimento potrebbe essere un successo. Si sollevano però problemi di bioetica: è giusto giocare così con degli esseri viventi, anche se lo scopo è senz’altro di grande importanza?

Si arriverà a fabbricare degli animali “customizzati”, brevettandone il dna e vendendoli nei negozi? La storia ricorda quella di un fumetto di fantascienza nel quale una multinazionale giapponese aveva brevettato il Dna per produrre un simpatico draghetto, con grandi occhioni e molto giocherellone: e in quel fumetto le cose non andavano proprio bene… e l’uomo del futuro invece? Sarà anche lui fluorescente? O magari con un paio di ali? Attenzione però: la storia di Icaro insegna cosa succede a volare troppo alto…

 

Check Also

sanità Asl Regioni

Sanità, buco nero nelle Asl: ma la soluzione della Lorenzin funziona?

I GUAI DELLA SANITA’ IN ITALIA? TORNARE AL CENTRALISMO, PRO E CONTRO Malagestione, riforme fatte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Francia, esplosione centrale nucleare, paura in Italia

Francia esplosione centrale nucleare. L'Italia è a rischio per l'incidente a Marcoule di ieri mattina?...

Chiudi