intercettazioni berlusconi

Intercettazioni Berlusconi, Pdl: 15 giorni per decreto

INTERCETTAZIONI BERLUSCONI – Il Pdl schiaccia il piede sull’acceleratore: in 15 giorni dovrebbe essere pronto il decreto ammazza-intercettazioni. Il governo sottolinea che non ha intenzione di mettere in essere “limitazioni alle intercettazioni per quel che riguarda la lotta contro la criminalità, ma vuole regolamentarne l’uso perverso che se ne fa rispetto alla vita privata”. Lo ha specificato Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, durate una partecipazione a Unomattina.

“Fino a quando Berlusconi non è sceso in campo in politica non ha avuto problemi con la giustizia – ha sottolineato Cicchitto – Dal 1994 è sottoposto a un bombardamento giudiziario che ha tendenze ad accentuarsi e che dal 2008 ha avuto un salto di qualità, nel senso che attraverso le intercettazioni ci si occupa della vita privata, e in Italia dai tempi degli anni Cinquanta fino al 2008 non ci era mai occupati della vita privata degli uomini politici, ci si misurava sui dati politici”.

E poi:”Occuparsi della vita privata della gente introduce un imbarbarimento, – ha spiegato Cicchitto – che oggi riguarda Berlusconi e domani riguarderà altri, e ci avviamo verso una situazione che rischia di creare una sfasatura tra questi aspetti e l’esigenza di occuparsi di ben altro che del gossip, penso a temi decisivi come la politica socio-economica del Paese”.

Maurizio Paniz, per fare ancora più alla svelta, propone di riesumare dall’oltre tomba persino Mastella:”penserei di poter recuperare una parte del testo Mastella, soprattutto il punto in cui si dichiara il no alla pubblicazione di quelle intercettazioni che intaccano la privacy dei cittadini e non hanno un interesse pubblico”.

Ma persino nel Pdl non tutti sembrano essere d’accordo:”Le intercettazioni sono uno strumento indispensabile per perseguire i reati della criminalita’ organizzata. Se fossero eliminate la mafia festeggerebbe”. Lo ha detto l’ex ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu.

“Faremo dura opposizione al ddl intercettazioni, perché non accettiamo che per coprire i rapporti del presidente del Consiglio con escort e faccendieri si metta in discussione un importantissimo strumento di ricerca della prova e si leda il diritto di cronaca. Presenteremo un corposo pacchetto di emendamenti e utilizzeremo tutte le armi parlamentari a nostra disposizione a partire dalle pregiudiziali su cui si votera la prossima settimana”. Lo ha detto Donatella Ferranti, capogruppo del Pd nella commissione Giustizia della Camera.

Check Also

Perché è importante convertire i propri filmati in un formato diffuso

Il mondo dei media è cresciuto a dismisura tanto da portarci a fruire di filmati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
kindle fire
Kindle Fire Amazon, prezzo e caratteristiche dell’anti-iPad

Kindle Fire Amazon, prezzo e caratteristiche dell'anti-iPad. Amazon ha mostrato al mondo Kindle Fire, tablet...

Chiudi