Legge di Stabilità: Doccia fredda per malati di SLA

Tutta l’estate è stata attraversata da secchiate d’acqua, meravigliosi appelli, donazioni, VIP e meno VIP che si sono susseguiti davanti a telecamere, telefonini e webcam con bacinelle piene di acqua e ghiaccio a chiedere attenzione per la SLA. Non si è tirato indietro nemmeno il nostro caro Premier.

E ora? Passata l’euforia della moda cosa resta?

Resta un comunicato stampa del segretario del Comitato 16 Novembre (l’associazione Malati Sla e Malattie Altamente Invalidanti) Salvatore Usala nel quale si annuncia una nuova mobilitazione davanti al Ministero dell’Economia a partire dal 4 novembre. Come mai?

Presto detto: il Governo ha deciso, all’interno della Legge di Stabilità, di diminuire nel 2015 il Fondo per le non autosufficienze di 100 milioni di euro rispetto al 2014. Anche il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali viene depredato e non è tutto, visto il rischio (e non è solo un rischio remoto) di vedere altri tagli alla sanità dovuti alle richieste del Governo agli Enti Locali di diminuzione delle spese.

sla

ISTAT ha segnalato che l’Italia spende per la spesa sociale per la disabilità mezzo punto in meno di PIL rispetto alla media europea, in numeri sono 8 miliardi di Euro.

Il Comitato 16 Novembre  sarà presente al tavolo organizzato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per il 23 ottobre sul tema del fondo della non autosufficienza (FNA) previsto nella legge di stabilità 2015 per 250 milioni, in calo di 100 milioni rispetto all’anno 2014. Ascolteremo le laconiche ragioni di un ministero che non riesce nemmeno a difendere l’esistente, figuriamoci a incrementare i fondi, come pomposamente dichiarato nei giorni scorsi. La verità è che siete semplici pifferai che dipendete da un uomo solo al comando. Non ci stiamo, contestiamo tutto, avete proclamato 18 miliardi di minori tasse e tagliate quella miseria di pane ai disabili gravi, siete dei CRIMINALI! Avete previsto 50 milioni per la ludopatia, bravi, prima li drogate, poi li volete redimere. Noi vogliamo almeno UN MILIARDO, il 4 novembre vi presenteremo un programma dettagliato al Ministero dell’Economia. Avete dato 80 euro a 10 milioni di lavoratori, bravi! E gli incapienti, i pensionati, i disabili gravi? Scusate, queste persone sono ricche, non hanno problemi, navigano nell’oro. Sapete a quanto corrisponde 80 euro al mese per oltre un milione di disabili gravi? Ve lo diciamo noi! UN MILIARDO! Non bastano docce gelate, caro Matteo Renzi, ci vuole ben altro per la disabilità.”

La nota continua con una chiara dimostrazione di quanto la disperazione possa spingere all’azione

“Vi dimostreremo quali attributi abbiamo, non come questo scialbo Governo che non ha chiare le priorità del paese. Preferiamo morire che vivere in un paese indegno e incivile. E non vi permettiamo di darci dei violenti o peggio, dei ricattatori, perchè siete Voi e solo Voi ad armarci e siete solo Voi a ricattarci, imponendoci decisioni inaccettabili per chi vive drammi senza soluzioni!”

Questo Governo ha cambiato verso di sicuro, ha voltato le spalle ai più deboli e li ha ormai relegati nel ghetto dell’indifferenza.

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali Renzi

Ultimi sondaggi politici elettorali: Pd mai così giù da anni, M5S cresce

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (13 FEBBRAIO 2018) – PD IN PICCHIATA, M5S PRIMO PARTITO Siamo …

2 comments

  1. #Renzi partecipò al gavettone estivo #IceBucketChallenge per la ricerca #SLA con la doccetta d'acqua gelata con un secchio in testa.
    La doccia fredda e gelata l'ha fatta LUI ai malati, con la SUA legge di stabilità, tagliando fondi per le non autosufficienze di 100 milioni per il prossimo anno. Complimenti!!

  2. Spero soltanto che i sacrifici di tutti, gravi soprattutto per certe categorie di cittadini, servano a farci superare le attuali difficoltà econbomiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Canada: sparatoria in Parlamento Ottawa, ferito un soldato

Allarme rosso nel Parlamento canadese, a Ottawa, dopo che nell'edificio sono stati esplosi alcuni spari...

Chiudi