legge elettorale bersani

Legge elettorale: Bersani vuole premio al 10%, ma cosa cambia?

LEGGE ELETTORALE ITALIANA – Pd e Bersani alla riscossa, dopo l’innalzamento della soglia per il premio di maggioranza, votato da PDL, Lega e UDC, su proposta di Francesco Rutelli (API):”Non penseranno mica che io mi metta a fare un governo con Berlusconi e Fini… Non esiste”. Bersani rivendica così l’identità del Pd: ma qualcuno potrebbe fargli notare che è esattamente da un anno che PDL, PD e FLI sostengono lo stesso governo. Nonostante questo, Bersani esclude un Monti bis: se dopo le elezioni 2013 non saltasse fuori un chiaro vincitore “si tornerebbe come in Grecia alle elezioni dopo sei mesi”. Ma non è forse proprio questo che qualcuno sta cercando?

PREMIO DI MAGGIORANZA AL 42.5% – “Lascino pure la soglia minima – dice Bersani – per accedere al premio di maggioranza al 42,5%, è pleonastico. Il punto è che va assegnato un ragionevole premio di governabilità, almeno del 10% netto, al primo partito che non garantisce la maggioranza ma ne fa l’azionista di riferimento per un nuovo governo” oppure “ci mettiamo di traverso con tutti gli strumenti parlamentari che abbiamo”.

FORNERO MINISTRO NEL PROSSIMO GOVERNO – Bersani spiega che non ha “prenotato” la Fornero come ministro per il prossimo governo. Ma sottolinea anche che non avrebbe nulla incontrario:”Sul piano dei principi sì. Io stavo parlando in polemica con Gasparri che sostiene che un membro di un governo tecnico perde i diritti politici. Secondo me non è così. Poi Vendola ci ha ricamato su”.

LA MORTE (POLITICA DI CASINI – “Morirà di tattica. Io spero che metta la barra dritta a un certo punto e decida dove andare”. Così ha detto Bersani, segretario PD, riferendosi a Casini, leader UDC. Eppure la stessa rotta di Bersani non è chiara: vuole allearsi con Casini? Oppure con Vendola? L’uno esclude l’altro. Forse Bersani vuole decidere dopo le elezioni?

LA REPLICA DI CASINI – “Noi non siamo stati sudditi di Berlusconi, non lo saremo di Bersani. Siamo abituati a stare a schiena dritta, non chiniamo la schiena. Lui ci accusa di tatticismo io capisco che sia nella foga della campagna elettorale ma il Pd deve abituarsi a parlare con rispetto”. Anche Casini non sembra avere le idee chiare sulle alleanze da fare: per il momento ha rispolverato i vecchi alleati, votando a favore della soglia per il premio di maggioranza al 42.5%, insieme ai compagni di merende dei bei tempi andati, cioè Berlusconi e Lega. Poi si vedrà.

Casini replica anche sull’ipotesi Monti-bis:”Bersani dice che pensare ad un Monti-Bis è da ricovero? Allora anche io sono da ricovero e con me molti del Pd che pensano ad un Monti-Bis. Non si può tornare alle cattive abitudini del passato: inviterei Bersani ad essere un po’ più cauto perché vicino a lui ci sono molti che sono da ricovero. Facciamo le persone serie”.

L’ITALIA DOPO LE ELEZIONI – Mentre i partiti litigano (o così fanno sembrare) per riuscire a ottenere la legge elettorale che più conviene loro, noi ci domandiamo: ma cosa cambia? Il futuro dell’Italia dopo le elezioni dipende davvero dalla vittoria di un governo di sinistra o di destra? Per capirlo meglio, vi riproponiamo un video da Youtube con la spiegazione di Eugenio Benetazzo sulla natura del debito italiano (video precedente all’insediamento del governo Monti). Benetazzo la spiega in termini tecnici, noi usiamo una metafora. Il debitore è come un cane e il debito pubblico è come un guinzaglio. Chi decide le direzioni da prendere è il padrone del cane, cioè, fuor di metafora, i creditori. Vedete voi che differenza può fare se il guinzaglio è color rosso o color nero. L’unica soluzione è trovare il modo di tagliarlo.

[youtube id=rLTTFZrg4i4]

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali Renzi

Ultimi sondaggi politici elettorali: Pd mai così giù da anni, M5S cresce

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (13 FEBBRAIO 2018) – PD IN PICCHIATA, M5S PRIMO PARTITO Siamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Allerta meteo Liguria
Allerta meteo Liguria: maltempo causato dall’eco dell’uragano Sandy

LIGURIA - Allerta meteo Liguria: maltempo causato dall'eco dell'uragano Sandy (ultime notizie 10 novembre 2012)....

Chiudi