logo google

Logo Google: oggi dedicato a Nino Rota

logo google

Logo Google: oggi dedicato a Nino Rota. Google, il popolare motore di ricerca, dove ogni giorno milioni di utenti accedono per cercare informazioni di ogni genere, ha deciso in occasione di un’importante anniversario di rendere omaggio al compositore Nino Rota. Tutti gli internauti che oggi apriranno la pagina iniziale del proprio browser, infatti la maggior parte degli utenti ha definito Google Italia come home page, punto d’inizio di una connessione, non vedranno il classico stemma di Google bensì uno nuovo stemma adattato per celebrare il compositore italiano.

Ricorda oggi il centesimo anniversario della nascita di Nino Rota, nacque a Milano il 3 dicembre 1911 e morì nella capitale, a Roma, il 10 aprile 1979. Fino alla mezzanotte di oggi, l’homepage di Google ospiterà un’immagine, stile caricatura che ritrae il maestro al pianoforte. Nino Rota, nome d’arte di Giovanni Rota Rinaldi è stato uno dei più autorevoli compositori italiani, autore di alcune colonne sonore di film famosi e vincitore di numerosi premi, dal David di Donatello come miglior musicista al Golden Globe, all’Oscar al BAFTA per le sue colonne sonore.

Basta vedere uno di questi film, per riconoscere lo stile inconfondibile di Nino Rot:  Il Padrino di Francis Ford Coppola, Amarcord di Federico Fellini e Assassinio sul Nilo, “Un americano in vacanza”, “Quel bandito sono io”, “Filumena Marturano”, “Le notti di Cabiria”, “Le notti bianche”, “Gattopardo” e “Romeo e Giulietta” del 1968.

Il compositore preferito da Federico Fellini, Nino Rota ha lavorato anche con Franco Zeffirello e Francis Ford Coppola.
Autore di quasi duecento colonne sonore dal 1933, quando compose la base musicale del film treno popolare, qui si vede la duttilità di un autore in grado d’iniziare la carriera all’epoca del cinema fascista e la noiosa stagione dei telefoni bianchi, per poi in oltre mezzo secolo di musica.

Check Also

Di Battista non si ricandida? Ecco i veri motivi che nessuno ha capito

Gli editoriali andrebbero scritti sempre il giorno dopo. E’ quel minimo di decantazione che basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Spread btp bund
Spread Btp Bund: ultime notizie 5 Dicembre 2011

Spread Btp Bund: ultime notizie 5 Dicembre 2011. La manovra anticrisi approvata ieri dal Cdm, come...

Chiudi