M5S Lega Nord

M5S può farcela da solo? Sì, ma a una (dura) condizione

L’Italicum è storia, ma non nel senso buono: la Consulta lo ha seppellito, scardinando proprio il pilastro portante della legge elettorale tanto voluta da Matteo Renzi, cioè il ballottaggio.

M5S aveva ragione: l’Italicum era incostituzionale, la sentenza della Corte costituzionale è stata autoapplicativa, in teoria si potrebbe andare a votare subito, apportando rapide modifiche per armonizzare le due leggi vigenti per Camera e Senato.

Questo è lo scenario. La domanda invece è: M5S può farcela da solo?

Cerchiamo di dare una risposta realistica.

Chi pensa che M5S possa vincere con qualsiasi legge elettorale è annebbiato da una forma acuta di tifo politico.

Idem chi si illude che si possa andare a votare con il “Legalicum” esteso al Senato.

La palla è saldamente fra i piedi della maggioranza parlamentare che, potete giurarci, cambierà le regole del gioco con un solo pensiero in mente: impedire la vittoria del M5S.

Molto probabile quindi una riesumazione del Mattarellum, una legge che svantaggia M5S per la sua forte impronta territoriale (con tanti collegi uninominali vince chi sa gestire le clientele elettorali).

foto

Altra possibilità è un Mattarellum 2.0, aggiornato alle esigenze dei tempi moderni, oppure una legge di vocazione proporzionale.

In realtà, considerando che il nostro elettorato è spaccato in tre poli più o meno equivalenti (Pd, M5S, Centrodestra), nessuna legge elettorale consentirebbe una maggioranza stabile guidata da una sola forza politica.

Anche se M5S dovesse arrivare primo nella prossima consultazione elettorale, non avrebbe i numeri per governare in modo indipendente.

E gli esponenti più in vista del M5S stanno già facendo filtrare l’idea, parlando di appoggio esterno, accordo programmatico e altre locuzioni necessarie a non pronunciare la parola tabù: alleanza.

Ma con chi?

Tappatevi naso, bocca e orecchie, perché soltanto la Lega Nord (e a ruota Fdi) può dare quei voti necessari a far partire un governo pentastellato.

Una situazione di fatto pericolosa e precaria, visto che Salvini avrebbe costantemente in mano la spina da staccare per far saltare il governo.

Tuttavia, alternative non ce ne sono: l’attuale maggioranza non approverà mai una legge che dia al M5S una possibilità di governare da solo.

O M5S rischia, prendendosi la responsabilità di governare insieme ad altri, oppure al governo vedremo il classico inciucio fra i cosiddetti Centrosinistra e Centrodestra. Tertium non datur.

Check Also

Renzi PD

Ultimi sondaggi elettorali, dati choc: M5S sopra 30%, Pd sprofondato dal Rosatellum

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (27 OTTOBRE 2017) – EFFETTO ROSATELLUM, M5S VOLA PD AFFONDA Dopo …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Abruzzo, Codici: “Risarcimento per mancanza di gas, luce ed acqua”

L’Associazione di consumatori CODICI vuole tutelare i cittadini che hanno subìto gravi disservizi in questi giorni...

Chiudi