fine del mondo 21 dicembre 2012

21 dicembre 2012: 10 motivi per cui me gusta la fine del mondo

21 DICEMBRE 2012: 10 MOTIVI PER DIRE SI’ ALLA FINE DEL MONDO

Mancano poche ore al 21 dicembre 2012. In un modo o nell’altro, la finiremo di parlare della profezia Maya e della fine del mondo. Sia che sia vera, sia che sia falsa. In quest’ultimo caso, a breve, come è sempre stato, spunterà una nuova data per l’Apocalisse. Storicamente, si è sempre cercato di far credere che la fine del mondo fosse imminente. Spaventare la gente è fondamentale per poterla dominare. In particolar modo, la religione ha sempre fatto leva sulle mitologie legate alla fine del mondo: l’uomo tende a credere la sua morte sempre lontanissima nel tempo, ci vuole lo spauracchio di un doom’s day per tenerlo a bada.

Che il 21 dicembre 2012 sia o meno il nostro ultimo giorno sulla faccia della terra… ecco i 10 motivi per augurarsi la fine del mondo!

1 – LA FINE DEL MONDO E’ DEMOCRATICA

L’Apocalisse è all’ordine del giorno sul nostro pianetino, ma colpisce sempre e soltanto i poveracci. La quotidiana fine del mondo è per molti, ma non per tutti: dai massacri in Siria alle innumerevoli guerre civili in Africa, dallo Swaziland, dove l’aspettativa di vita è di 32 anni, alle spaventose masse di miserabili emarginati dalle economie floride e in ascesa (se si guarda solo il PIL) come Brasile, Cina, India, ecc. Molto più democratico un bel meteorite, che becca sulla capoccia poveri e ricchi, bianchi e neri, belli e brutti. Kaput.

2 – STAR SYSTEM

L’esistenza dei divi del cinema, della musica, della televisione, è sufficiente per augurarsi la fine del mondo. Che il 21 dicembre 2012 spazzi via tutta l’umanità, visto che è così stupida da idolatrare e far arricchire persone totalmente inutili.

3 – DOPO DI ME, NEMMENO IL DILUVIO

Pensate che fastidio morire da soli: ti infilano in una cassa di legno e buonanotte. E intanto gli altri continuano a vivere e a spassarsela (se non sono dello Swaziland), mentre tu te ne stai lì chiuso in una cassa da morto come uno scemo. Meglio morire tutti insieme!

4 – MEME

Solo la fine del mondo può debellarli. Frasi e immagini ripetute in maniera ossessiva, che atrofizzano la creatività e fanno parlare tutti alla stessa maniera, con gli stessi slogan stereotipati e idioti. Insomma, ben venga la fine del mondo il 21 dicembre 2012: I don’t give a fuck!

5 – JUVENTUS

Addio alla terza stella. Scusate se è poco.

6 – ITALIANS DIE BETTER

Non siamo lo Swaziland, ma abbiamo pure noi i nostri grattacapi: nel 2013 ci attendono pseudo-elezioni (tanto con il Porcellum votare è inutile, decidono tutto i partiti), un altro Sanremo, nuove e sempre più fantasiose tasse, disoccupazione, precariato, sfratti coatti, nuovi tumori da inquinamento a Taranto, ecc. Insomma, in Italia si muore più a cuor leggero: il 2013 non sarebbe comunque stato un granché.

7 – MUORE ANCHE B.

Gli antiberlusconiani lo odiano così tanto B., che continuano a preferire Monti nonostante ci stia affossando in tutti i modi: preferirebbero chiunque non è B., dovesse pure mandarli in guerra o nei campi di sterminio, basta che non sia B. a farlo. Il motivo numero 7 è dedicato a loro: se dovesse finire il mondo, gli antiberlusconiani ne sarebbero tutto sommato felicissimi. Almeno muore anche B.

8 – FACEBOOK E TWITTER

La parte più evoluta del mondo (così lei stessa si ritiene, almeno) vive in un curioso paradosso di super-comunicazione e super-solitudine: ognuno se ne sta chiuso nella sua stanzetta, a lanciare messaggi nella bottiglia attraverso i social network, diretti verso altre persone chiuse nelle loro stanzette, spesso perfetti sconosciuti. Il 21 dicembre 2012 potrebbe porre termine a cotanta sofferenza. Fine del mondo? Mi piace.

9 – WOODY ALLEN NON NE PUO’ PIU’

E’ oltre un decennio che non ha più niente da dire, ma continua puntualmente a fare un film all’anno, tanto per tenersi impegnato e non impazzire. E’ accanimento artistico, bisogna fermarlo. Maya, calate il sipario!

10 – NIENTE PIU’ DECALOGHI

Sono insopportabili ma continuano a scriverli perché c’è sempre gente interessata alle 10 scarpe più vendute, le 10 posizioni più piacevoli, le 10 diete più efficaci, ecc. Leggersi un bel libro no, eh?

Buona fine del mondo a tutti e auguri per le feste, se non ci vediamo.

 

Check Also

I programmi tv per gli appassionati di barche

La proliferazione di canali dovuta al digitale terrestre ha fatto sì che ogni nicchia potesse …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Marò India
Marò India: un Natale in Italia da 826.000 euro

MARO' ITALIANI IN INDIA, DUE SETTIMANE LICENZA PER MASSIMILIANO LATORRE E SALVATORE GIRONE I due...

Chiudi