incidente Simoncelli Valentino Rossi

MotoGP Giappone 2011, Valentino Rossi:”Abbiamo paura”

MOTOGP GIAPPONE 2011, VALENTINO ROSSI SPAVENTATO. 14 Agosto 2011. Reduce dal sesto posto nel GP di Brno, Valentino Rossi sorride:”Ho fatto la stessa gara degli altri, non è male…”. “Questo sesto posto – continua Rossi – ha molto più valore rispetto a quello che ho ottenuto negli Stati Uniti a Laguna Seca. A parte Stoner, eravamo tutti lì. Pensavo di poter prendere Spies, ma non ci sono riuscito. Abbiamo fatto un passo avanti, ora ci manca ancora qualcosa per lottare con quelli davanti. Io sono andato più forte rispetto ai tempi che ho ottenuto qui lo scorso anno. Ma gli altri hanno fatto enormi progressi”. “Sono stato con gli altri in gara, – spiega The Doctor – e anche se non sono riuscito a lottare davvero, possiamo essere fiduciosi – prosegue Rossi -. Se avessi fatto una partenza ottimale, forse avrei potuto ottenere di più. Nei primi due giri, poi, la moto scivolava un po’ troppo: senza questi problemini, avrei potuto giocarmela almeno con le Yamaha”. Poi Rossi passa al capitolo Giappone. Andarci o no? “Noi abbiamo paura di andarci, non mi pare intelligente andare a correre in un posto a rischio sismico, con una centrale nucleare fuori controllo – spiega il pilota pesarese -. Tutta la mia squadra ha paura. Non so cosa faranno gli altri, ma non mi sembra una buona idea, credo sia una forzatura andare in Giappone, in un posto così rischioso, per fare una corsa di moto”.

Check Also

Di Battista non si ricandida? Ecco i veri motivi che nessuno ha capito

Gli editoriali andrebbero scritti sempre il giorno dopo. E’ quel minimo di decantazione che basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Manovra Finanziaria 2011: per Libero è una rapina

Il ceto medio che guadagna oltre 90.000-150.000 euro messo sul lastrico dallo Stato (secondo Libero)!

Chiudi