notizie pensioni oggi

Notizie pensioni oggi: arrembaggio ad Ape e precoci, novità sulle domande per salvarsi

NOTIZIE PENSIONI OGGI (28 GIUGNO 2017) – BOOM DOMANDE APE SOCIALE E PRECOCI, SI SALVI CHI PUO’

Continuano le novità sulle anticipate, oggi con i nuovi dati sul numero di domande presentate dagli italiani per il pre-esame su Ape sociale e Quota 41 per lavoratori precoci.

Dobbiamo infatti ricordare che la finestra attualmente aperta per accedervi (la data di scadenza è il 15 luglio 2017) è soltanto una fase preliminare, nella quale l’Inps valuterà l’idoneità dei richiedenti. Una volta giunto l’ok dell’Istituto nazionale di previdenza sociale, bisognerà formulare a ottobre la domanda vera e propria.

Si era capito sin da subito che l’Ape sociale e la Quota 41 per precoci, due delle pochissime misure di flessibilità in uscita previste dall’ultima legge di bilancio, sarebbero state prese d’assalto e così è stato.

Notizie pensioni oggi (28 giugno 2017): assalto all’Ape sociale e alla Quota 41 per precoci, ma molti sono destinati a rimanere fuori

Alle ore 18.00 del 26 giugno le domande giunte all’Inps erano (ultime notizie che arriva da una nota dell’istituto) 29.992. Considerando che mancano più di due settimane al termine ultimo e che il governo ha calcolato che saranno circa 60.000 i posti disponibili con le risorse stanziate (35.000 per l’Ape sociale e 25.000 per i precoci), facile prevedere che non saranno in pochi quelli a rimanere fuori.

Vuoi per effettiva mancanza dei requisiti (tentare non costa nulla, lo dimostra il fatto che una domanda su quattro è stata bocciata nel corso delle sette salvaguardie sugli esodati), sia per la possibile carenza dei fondi (si rischia di ottenere il diritto, ma di non avere certezze sull’inizio della liquidazione delle pensioni assegnate).

La Lombardia è la regione record per numero di domande, oltre cinquemila: seguono il Veneto a quota tremila, la Sicilia, il Lazio, la Toscana e l’Emilia Romagna, tutte oltre le duemila richieste a testa.

Le possibili repliche dell’Inps a questo esame preliminare sulle nuove pensioni anticipate sono dunque tre. L’accoglimento della richiesta, l’accoglimento con rinvio della data di accesso per carenza di fondi e il respingimento per la mancanza dei requisiti necessari.

Si scaldano i motori anche per l’Ape volontaria, con l’arrivo del decreto attuativo, ultima spiaggia per chi rimarrà fuori dalle altre possibilità per sfuggire dalla riforma Fornero. C’è da chiedersi quanti italiani saranno però disposti a indebitarsi per 20 anni con le banche, in cambio di tre anni e sette mesi al massimo di pensione anticipata.

 

Check Also

Internazionalizzazione aziende: cos’è e perché è importante

L’internazionalizzazione delle aziende è un fenomeno che sta prendendo sempre più piede. Sempre più imprese …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Consip, indagato Pm Woodcock. Indagata anche Sciarelli, conduttrice Chi l’ha visto

INDAGATO WOODCOCK PER RIVELAZIONE SEGRETO UFFICIO, CON LUI LA SCIARELLI Il magistrato di Napoli Henry...

Chiudi