ricorso Equitalia

Novità Equitalia, tre aiuti per una rateazione più facile

Dopo l’annuncio di Matteo Renzi sull’addio alle cartelle Equitalia, oggi vediamo tre grandi novità sull’ente di riscossione.

E’ noto come Equitalia abbia grosse difficoltà nel riscuotere i crediti (è stato calcolato che il 95% siano in pratica inesigibili) e, anche quando ce la fa, si tratta al 50% di pagamenti dilazionati. Le novità riguardano proprio la rateazione, nell’ottica di facilitare il pagamento dei debiti ai contribuenti (nonostante la possibilità di metodi coercitivi come l’accesso diretto al conto corrente)

Prima novità: per i debiti inferiori a 50.000 euro, Equitalia inizierà a inviare un modulo precompilato con la richiesta di dilazione. Sarà quindi sufficiente firmarlo e presentarlo all’ufficio, senza il bisogno di accedere a servizi via Web o di procacciarsi autonomamente e compilare gli appositi moduli.

ricorso Equitalia

Per legge, la rateazione ammessa è fino a 72 rate (6 anni) per debiti fino a 50.000 euro, senza la necessità di addurre alcuna motivazione plausibile. Da tenere presente invece che resta indispensabile depositare l’Isee del nucleo familiare, nel caso di debiti superiori a tale cifra, in modo tale da accertare la propria impossibilità a pagare per obiettivi limiti economici.

Secondo novità: l’importo minimo per la singola rata viene dimezzato, passando da 100 euro a 50 euro. La rateazione è importante per mettersi al riparo dai pignoramenti, sia eventuali che già intrapresi.

Terza novità: viene accelerato l’iter per permettere ai debitori, decaduti dalle dilazioni precedenti al 22 ottobre 2015, di ottenere un altro piano di rateazione, senza l’obbligo a pagare tutto lo scaduto. Un DL del 2015 (D.lgs. n. 159/2015) lo consente a quei contribuenti che hanno visto il loro piano di rateazione “saltare” per non aver corrisposto cinque rate (anche non consecutive). Ora sarà possibile avere una nuova rateazione, anche senza versare le rate non saldate precedentemente.

Tre misure quindi che confermano – a nostro umile giudizio – l’estremo affanno in cui si trova Equitalia nello svolgere il suo lavoro: i metodi seguiti finora – forse poco umani e al limite della persecuzione? – non hanno pagato e ora l’agente di riscossione, come dicono gli indiani, cerca di stringere la mano che non è riuscita a tagliare.

 

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali

Ultimi sondaggi politici elettorali: M5S e Lega stratosferici, insieme valgono il 54,3%

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (5 GIUGNO 2018) – Le intenzioni di voto delle ultime settimane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Firenze, si apre una voragine di 200 metri sul Lungarno

Una voragine di circa duecento metri per sette di larghezza si è aperta sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e...

Chiudi