pensioni ultimissime novità

Pensioni novità 25 luglio 2016: finalmente buone notizie (per quelle d’oro)

PENSIONI ULTIME NOVITÀ (25 LUGLIO 2016 – Ce l’avete d’oro? Buone notizie per voi allora: nel 2017 40 mila pensionati se la passeranno ancora meglio di oggi. Parliamo di chi incassa un assegno INPS superiore a 91.344 €. Scade infatti il contributo di solidarietà stabilito nel 2013, valido per 3 anni.

Oggi le pensioni d’oro sono sottoposte a un prelievo, il cosiddetto contributo di solidarietà, che va dal 6% al 18%.

Niente belle notizie dell’ultima ora per quelle meno dorate: per loro, l’anno prossimo saranno confermati gli stessi parametri del 2016.

pensiono novità

Pensioni ultime novità (25 luglio 2016): quelle d’oro splenderanno di più nel 2017, ma per i comuni mortali solo annunci e promesse elettorali

Le ultimissime sul Pil meno florido di quanto Padoan e compagni speravano, fanno dubitare anche sull’esito dei vari “bonus” che il governo Renzi avrebbe in mente per le pensioni dei comuni mortali.

Sul tavolo della discussione c’è una modifica della quattordicesima. Due le possibilità: o aumentare la platea dei beneficiari (includendo le pensioni comprese fra 750 e 1.000 euro mensili, quindi circa un milione e mezzo di soggetti in più) oppure incrementare l’importo della quattordicesima per chi già la percepisce oggi.

Per lavori usuranti e lavoratori precoci c’è invece l’idea di estendere la lista dei mestieri considerabili usuranti oppure quella di bloccare i calcoli che riguardano l’aspettativa di vita. Per chi ha iniziato a lavorare in minore età, si pensa a un ponus contributivo di 4-6 mesi per ogni anno lavorato.

Pensioni ultime novità (25 luglio 2016): le contraddizioni di Renzi, il miraggio degli 80 euro ai pensionati

Ma gli 80 euro ai pensionati, magari almeno a quelli con le minime, che fine hanno fatto? Sarebbe un bel colpo da piazzare prima del referendum costituzionale: purtroppo servirebbero circa 4 miliardi per farlo, visto che la misura interesserebbe quasi 4 milioni di pensionati. Roba proibitiva, quando hai il Pil così moscio.

Insomma, nelle ultime notizie sulle pensioni se ne leggono parecchi di annunci (come al solito) per i pensionati meno fortunati: di fatto però, dall’anno prossimo a passarsela meglio saranno le pensioni d’oro.

Ma Renzi non aveva detto (dicembre 2013, ospite da Bruno Vespa) che tagliando sulle pensioni d’oro si possono risparmiare dai 4 ai 12 miliardi di euro? Perché allora, invece di tagliarle e usare le risorse recuperate per le pensioni minime e quelle sotto i mille euro, lascia scadere il contributo di solidarietà e non lo rinnova?

Per come sono le cose oggi, nel 2017 le pensioni d’oro torneranno più floride, mentre per tutti gli altri non ci sono mai i soldi per fare qualcosa di serio.

Check Also

Perché è importante convertire i propri filmati in un formato diffuso

Il mondo dei media è cresciuto a dismisura tanto da portarci a fruire di filmati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
caldo bere
Caldo, i nemici del cuore: bere poco, pressione bassa e sport eccessivi

Antonio Rebuzzi, responsabile Unità Coronarica (Utic) del Policlinico Gemelli, dà qualche consiglio per evitare che...

Chiudi