pensioni oggi ultime notizie

Pensioni oggi ultime notizie: solo briciole per Ape social, le banche ringraziano

PENSIONI ULTIME NOTIZIE (OGGI 26 MARZO 2017) – BASTA ELEMOSINE, SERVONO DIRITTI

Le ultime news sulle pensioni minime “alla Berlusconi” (mille euro per tutti) confermano la linea che i nostri politici continuano a tenere in materia di previdenza.

I pensionati non esistono per tutto l’anno, tranne poi quando si avvicinano le elezioni: allora giù annunci e promesse di regalini, di aumenti a questa e quella categoria, di ritocchi al rialzo sugli assegni Inps, di scappatoie per la flessibilità in uscita, eccetera.

Tutte le misure sulle pensioni infilate nell’ultima legge di Bilancio sono state pensate seguendo questa logica. E adesso che il referendum costituzionale è stato perduto, il governo fa il braccino corto con l’Ape social.

Tralasciando i consueti ritardi sulla tabella di marcia, senza contate i tagli alla spesa sociale di cui troppo poco si è parlato, secondo le ultime novità sulle pensioni l’Ape social dovrebbe partire dal 1° maggio 2017, in attesa dei decreti attuativi che stabiliranno i requisiti necessari da rispettare per poter beneficiare di questa nuova forma di pensione anticipata.

La sensazione è che si andrà al ribasso più del previsto. Per ora si parla di dover essere disoccupati (e non da poco, ma senza sussidio da almeno tre mesi), disabili o con disabile a carico. Almeno 30 anni di contributi e più di 63 anni di età. Manca solo di dover venire accompagnati dai genitori.

pensione-675-675x275

Pensioni oggi ultime notizie (26 marzo 2017): requisiti strettissimi per Ape social, se non ci rientrate non vi resta che farvi spennare dalle banche

Ma perché chiamarla Ape social, come se fosse un provvedimento di misura assistenziale, un obolo a dei bisognosi poveracci, se è rivolta a lavoratori anziani che si sono già meritati delle pensioni anticipate dignitose?

Non c’è neppure da commentare sull’Ape volontaria, un flop annunciatissimo: chi può essere talmente folle da indebitarsi per 20 anni con una banca, ormai ultra 63enne, per avere al massimo tre anni di anticipo sulla data di pensionamento?

E qui sta l’inghippo. I requisiti sull’Ape social devono farsi stringenti, a nostra modesta opinione, proprio perché così chi è in stato di bisogno, ma non abbastanza da rientrare nella platea dell’Ape social, sarà costretto a mettersi il cappio al collo con l’Ape volontaria, limitando il fallimento della malsana idea di ricorrere alle banche per le pensioni anticipate.

Check Also

gioco_azzardo-1

Gioco online, i numeri del secondo trimestre 2017

GIOCO D’AZZARDO ONLINE, COME VANNO I CASINÒ VIRTUALI IN ITALIA Abbiamo già visto, nei mesi …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
ultimi sondaggi politici elettorali Pd
Sondaggi elettorali: Pd sotto le macerie, 7 punti persi in 4 mesi

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (26 MARZO 2017) - PD NEL BARATRO, M5S GRANITICO Dopo i...

Chiudi