pensioni ultime notizie governo Renzi

Pensioni ultime notizie: un 2016 senza buone novità da Renzi

PENSIONI ULTIME NOTIZIE (8 GENNAIO 2016) – Dopo le news sul pagamento in ritardo degli assegni Inps, oggi il punto della situazione su Renzi e previdenza. Un nuovo anno è appena iniziato ed è il momento giusto per fare bilanci, anche considerando il fatto che il governo Renzi si avvicina a chiudere il suo secondo giro di boa.

La riforma pensioni, tanto annunciata, tanto sperata o tanto temuta, non c’è stata. La flessibilità in uscita non si è vista e la legge Fornero è rimasta intatta, blindata da un governo i cui esponenti più volte ne hanno cantato le lodi. Con il 2016 la situazione anziché migliore è dunque destinata a peggiorare, visto che i rigidi requisiti per andare in pensione richiesti dalla riforma Fornero quest’anno addirittura aumenteranno: sia per gli uomini che (soprattutto) per le donne sarà necessario essere più anziani per poter avere le proprie pensioni.

E di questo passo si arriverà a dovere avere 70 anni per poter lasciare il posto di lavoro.

pensioni ultime notizie governo Renzi

Altro grande fallimento è stato il mancato intervento sulle pensioni minime e su quelle sotto i mille euro, promesso da Renzi nel 2014. Gli 80 euro anche per i pensionati non si sono visti, in compenso si è visto un ritardo nel pagamento dei trattamenti pensionistici a gennaio 2016, disagio che naturalmente ha colpito proprio i pensionati meno fortunati, quelli che vivono ogni mese con l’angoscia delle scadenze, quelli che il governo Renzi si è dimenticato di aiutare.

Pensioni ultime notizie (8 gennaio 2016): novità per i pensionati? Meglio tirarle fuori poco prima le elezioni…

Nella legge di Stabilità non c’è traccia di grandi novità sulle pensioni, a parte qualche intervento di dimensioni trascurabili e che interessa solo piccole fasce di persone.

Renzi ha scelto di rimandare di qualche mese le decisioni importanti sulle pensioni, usando come motivazione la volontà di fare con calma per evitare i pasticci contraddittori commessi dai precedenti governi.

La nostra idea è che invece Renzi, la cui politica si basa tutta su annunci, promesse e simpatici bonus, stia aspettando il momento giusto per un regalino ai pensionati, come ha già fatto con i 500 euro agli insegnanti (vera e propria elemosina fatta passare come bonus, visto che i prof hanno gli stipendi bloccati da anni e anni) e ai diciottenni.

Potete scommetterci che poco prima della Amministrative 2016 del prossimo maggio (o ancora meglio prima del cruciale referendum costituzionale) Renzi tirerà fuori dal cappello un paio di scarpe da donare ai pensionati: naturalmente una prima del voto e una dopo il voto.

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali

Ultimi sondaggi politici elettorali: M5S e Lega stratosferici, insieme valgono il 54,3%

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (5 GIUGNO 2018) – Le intenzioni di voto delle ultime settimane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
banca Etruria
Banca Etruria, bomba artigianale in filiale Perugia

BANCA ETRURIA (ULTIME NOTIZIE 7 GENNAIO 2016) - All'indomani della sgradita novità sull'allungamento dei tempi...

Chiudi