protesi capelli

Protesi capelli, le soluzioni possibili per calvizie e diradamenti

PROTESI CAPELLI – La perdita dei capelli, dai piccoli diradamenti alla totale calvizie, è un problema che spesso va oltre il semplice difetto estetico con cui convivere e sconfina nel disagio psicologico, causando insicurezza nei nostri rapporti con gli altri.

E si tratta di un problema che riguarda sia uomini che donne, sia pure in proporzioni differenti.

Per questo la perdita dei capelli è un vero e proprio business, con un mercato che offre un vasto assortimento di soluzioni: ma quali sono davvero efficaci e quali vanno evitate?

protesi capelli

La visita dal dermatologo, le cause e i medicinali per fermare la caduta

La prima cosa da dire è che sarebbe opportuno agire prima che il danno sia completo e più difficile da riparare, cioè non appena si manifestano i primi segni di caduta dei capelli.

In questo caso è opportuno farsi visitare da un dermatologo specializzato in tricologia, il quale potrà stabilire le cause della perdita dei capelli e lo stadio in cui si trova la nostra condizione. Con l’impegnativa di un medico, la visita avrà il costo del ticket sanitario (intorno ai 50 euro). Le tre cause più frequenti sono l’alopecia androgenetica, l’alopecia areata e le forme cicatriziali.

Minoxidil e Finasteride sono fra i farmaci con prove scientifiche di efficacia sull’alopecia androgenetica.

Protesi capelli: parrucche, innesti di capelli e fibre naturali di cheratina

Se il diradamento e la calvizie sono invece ormai già formati, si può rimediare con una protesi per capelli. In questo settore l’offerta è varia e va dalla tradizionale parrucca allo spray che “maschera” il diradamento. Il consiglio è quello di non fidarsi di nomi poco noti e che magari promettono soluzioni miracolose ed economiche.

La parrucca può avere una montatura mobile (quindi semplicemente appoggiata sul cuoio capelluto, una soluzione piuttosto sconsigliabile e a rischio di ‘incidenti’ imbarazzanti) oppure fissa. Il sistema di fissaggio è particolarmente importante, visto che fra questi ce ne sono alcuni che potrebbero provocare infezioni (come un eritema e un edema).

I capelli posti sulla montatura possono poi essere sia sintetici che naturali, quindi provenienti da donatori.

Una tecnica di protesi per capelli particolarmente sofisticata è il “sistema CNC” di cesareragazzi, nome storico in Italia per questo settore.

Dopo una visita dermatologica viene disegnata una soluzione personalizzata per il cliente e i capelli vengono innestati manualmente sulla protesi.

I diradamenti possono anche essere nascosti con spray e creme, anche se la natura provvisoria di simili soluzioni può apparire poco attraente: fra i prodotti più avanzati in questo settore ci sono le fibre naturali di cheratina magnetizzate con energia statica (come ad esempio Toppik), le quali vengono sparse sulle zone diradate e si “agganciano” ai capelli già esistenti, andando a occupare le zone scoperte.

Il problema di un rimedio del genere è per chi ormai ha già la classica “pelata” e non dei diradamenti, senza contare che la perdita dei capelli non verrà in nessun modo arrestata, trattandosi di un semplice trucco per nasconderla.

Concludiamo la nostra rapida carrellata ribadendo i principi di base per affrontare il proprio problema di calvizie o di diradamento dei capelli: visita dermatologica, non fidarsi delle soluzioni miracolose di ditte poco note (purtroppo la pozione magica in grado di far ricrescere tutti i capelli semplicemente non esiste ancora) e valutare quale dei rimedi presenti sul mercato sia il più adatto alla propria personalità e alle proprie esigenze.

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali

Ultimi sondaggi politici elettorali: M5S e Lega stratosferici, insieme valgono il 54,3%

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (5 GIUGNO 2018) – Le intenzioni di voto delle ultime settimane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Terrorismo e superbatteri incurabili dalla Cina: scenari apocalittici

Terrorismo e superbatteri dalla Cina: non si tratta di un romanzo di Dan Brown o...

Chiudi