sondaggi referendum costituzionale

Referendum costituzionale 2016, tutti i sondaggi di novembre: boom del No

SONDAGGI REFEERNDUM COSTITUZIONALE (10 NOVEMBRE 2016)

A meno di un mese dal giorno del voto (4 dicembre 2016), rivediamo insieme i sondaggi elettorali sul referendum pubblicati in questi primi dieci giorni di novembre.

SONDAGGI REFERENDUM, NO DILAGANTE (7 NOVEMBRE 2016)

Sono appena andati in onda i sondaggi politici elettorali del Tg La7, diretto dal giornalista Enrico Mentana, relativi al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.

Continua il trend favorevole al fronte del no, che questa settimana pesca tutto il bottino della quota di indecisi.

Mentre il sì guadagna appena un decimale, restando sostanzialmente congelato, il no si accaparra quasi tutta la posta in gioco, cioè 7 decimali, aumentando il vantaggio già considerevole.

L’astensione si è assestata sul 40. 3 %, mentre la quota di indecisi resta  piuttosto considerevole, rendendo matematicamente ancora possibile una vittoria del sì.

Se la tendenza resterà comunque quella evidenziata nelle ultime settimane, il sorpasso del sì diventerà ampiamente improbabile.

IMG_20161107_202359

Per quanto riguarda le intenzioni di voto alle Politiche, per ora diciamo solo che M5S risulta essere il primo partito italiano: analizzeremo meglio i dati in un prossimo post.

SONDAGGI REFERENDUM COSTITUZIONALE (4 NOVEMBRE 2016)

Dopo le intenzioni di voto di Piazza Pulita di ieri, oggi i sondaggi elettorali di WINPOLL – Scenari Politici sulla tornata referendaria per l’approvazione della riforma costituzionale.

Oltre a misurare lo stato di salute del Sì e del No, i sondaggi di Scenari Politiciapprofondiscono le motivazioni che si celano dietro le decisioni degli italiani, insieme a un giudizio su una cruciale scelta comunicativa di Matteo Renzi, quella della personalizzazione del referendum costituzionale.

L’ex sindaco di Firenze e seguaci hanno da tempo fatto marcia indietro su questo punto, dicendo di discutere “nel merito della riforma”. Ma è troppo tardi: l’errore è stato fatto e la maggior parte degli italiani, come rilevato da altri sondaggi analoghi, è convinta che Renzi debba dimettersi in caso di insuccesso.

storico-ref-1024x866personalizzazione-1024x677motivazioni-del-voto-1024x677idv-ref-1024x424

L’elettorato più spaccato sembra essere quello di Forza Italia, il più compatto quello della Lega Nord.

Ultimi sondaggi referendum costituzionale 3 novembre 2016.

Dopo il colpo di scena di Demopolis di due settimane fa, oggi assistiamo a una svolta ancora più clamorosa.

Tutti i sondaggi politici erano a favore del fronte del no, dato in vantaggio per il referendum costituzionale 4 dicembre da praticamente tutti gli istituti addetti ai lavori, unica eccezione era Demopolis che da quel leggero vantaggio il sì.

Oggi cambia tutto e sembra che Matteo Renzi i sostenitori del si debbano alzare bandiera bianca.

Il no adesso è sulla vetta anche secondo te Demopolis. Nelle due slide vengono raffigurati i voti a favore del sì, e i voti a favore del no, più la percentuale degli indecisi.

Nella seconda slide i dati vengono ricalcolati considerando gli orientamenti che statisticamente dovrebbero avere gli indecisi, oggi a quota  27%.

Matteo Renzi ha smentito le voci su un possibile rinvio per le faranno il 4 dicembre. Probabilmente si è reso conto che sarebbe inutile e controproducente.

ref-demopolis2ref-demopolis1

Naturalmente manca ancora un mese al mondo del voto, e il vantaggio del no non è così stratosferico
da escludere una possibile rimonta del sì. È dunque nostro dovere di cittadini quello di votare e far votare no, impegnandoci fino all’ultimo minuto, senza dare per scontata la vittoria.

Se i sondaggi non cambieranno, Renzi oggi è, politicamente parlando, un dead man walking o, se preferite, un’anatra zoppa come l’amico Obama.

Sondaggi referendum costituzionale 2 novembre 2016

Sono andati ieri in onda e le intenzioni di voto per il referendum costituzionale del 4 dicembre 2013, nel corso del telegiornale diretto da Enrico Mentana su La7.

Crescono di due decimali indecisi, ma il sì non è in grado di approfittarsene, restando congelato alla stessa percentuale della settimana scorsa.

 il No subisce una flessione negativa, ma statisticamente insignificante, considerando il margine di errore dei sondaggi elettorali.

IMG_20161102_100400

Manca ormai un mese alla data del referendum costituzionale, troppo poco tempo, se la tendenza non dovesse clamorosamente invertirsi, per vedere un sorpasso del sì sul No.

Matteo Renzi è sicuramente consapevole della mala parata, e nelle ultime ore stanno correndo voci di un possibile rinvio del referendum costituzionale, giustificato dall’emergenza del terremoto.

Check Also

affluenza referendum costituzionale

Risultati Referendum costituzionale: boom affluenza, dato ore 19. Roba da Politiche

RISULTATI REFERENDUM COSTITUZIONALE (4 DICEMBRE 2016) – AFFLUENZA RECORD Il dato di mezzogiorno era già …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
pensioni ultime novità oggi
Pensioni ultime novità 10 novembre: post fondamentale, sintesi cambiamenti ultimi mesi

PENSIONI ULTIME NOVITA' (10 NOVEMBRE 2016)  Oggi riprendiamo alcune delle news più importanti degli ultimi...

Chiudi