riforma pensioni

Riforma pensioni: le promesse del governo Renzi e la realtà dei fatti

RIFORMA PENSIONIUltime notizie oggi, 18 febbraio 2015: ricordate le promesse del governo Renzi sulle pensioni, sul lavoro, sulla scuola e sulla sanità? Se proviamo a confrontarle con la realtà dei fatti, lo scenario è desolante. Dov’è la riforma pensioni del governo Renzi, indispensabile per riparare i danni della macelleria sociale messa in atto dalla riforma Fornero (che per qualcuno sarebbe roba “Top Class”)?

Per ora non si vede nulla: il  governo Renzi sembra essersi dimenticato di pensioni e pensionati. Se qualcuno nella minoranza Pd invoca la Quota 100 e se Tito Boeri, nuovo presidente Inps, avanza proposte di un certo interesse (che però non bastano a toccare i privilegi delle pensioni d’oro e dei vitalizi dei politici), concretamente all’orizzonte non si vede nulla.

riforma pensioni

Riforma pensioni, dove sono gli interventi del governo Renzi sotto i mille euro?

Anzi: si vede un disastro peggio dell’attuale, con pensioni ancora più basse delle attuali pensioni minime (le ultime notizie giunte dal Corriere e dal Censis sono apocalittiche in  tal senso) per i lavoratori di oggi, in particolare per gli autonomi.

A proposito di autonomi: per loro continua lo scandalo degli assegni familiare miserabili, fermi dagli anni ’80. E a proposito di 80: dove sono gli 80 euro nelle pensioni? Dove sono gli interventi sulle pensioni sotto i mille euro, promesse da Renzi per il 2015? Nulla si vede.

Anzi: si sono visti dei piccoli tagli a gennaio e febbraio 2015, a causa della perequazione automatica e delle errate previsioni sul Pil e sull’inflazione (qualcuno ricorda ancora quando il governo Renzi ci assicurava che nel 2014 il Pil sarebbe stato positivo?).

Riforma pensioni, situazione critica per scuola, Quota 96 e opzione donna

Dal fronte scuola, la riforma del governo Renzi fa arrivare soldi con il contagocce (guardatevi il servizio di Presa diretta…) e i Quota 96 sono ancora lì fra i banchi di scuola: forse mille su quattromila riusciranno finalmente a vedere le pensioni, per le quali hanno già da tempo maturato i requisiti necessari.

Capitolo donne: rischia fortemente di saltare la proroga dell’opzione donna (che consente alle lavoratrici di andare in pensione a 57 anni), un emendamento in tal senso è già stato sotterrato dalla maggioranza che sostiene il governo Renzi. Non dome, le donne aspiranti pensionate annunciano una class action.

Questa è una rapida sintesi della situazione di oggi sulla riforma pensioni (che non c’è) del governo Renzi: ma c’è poco da stupirsi, visto che è chiaro che lo Stato sociale dev’essere smantellato (vedi cosa sta succedendo nella Sanità, altri tremila posti letto in meno) perché è la Troika che ce lo chiede. Dalla riforma pensioni del governo Renzi c’è poco da sperare: l’unica salvezza, pare, sono le pensioni private. Ma quanti possono permettersele? Il lavoro non c’è e le pensioni sono diventate il vero ammortizzatore sociale dell’Italia.

Commenti

Check Also

Renzi referendum costituzionale

Dopo referendum costituzionale, Renzi si dimette in ogni caso. E c’è bozza nuovo Italicum

VINCE IL SI’? VINCE IL NO? RENZI DARA’ DIMISSIONI COMUNQUE Altro retroscena sul post referendum …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
riforme Renzi
Riforme Renzi: Sanità, 1 posto letto su 4 in meno. Saltano altri 3.000

RIFORME RENZI (ULTIME NOTIZIE 18 FEBBRAIO 2015) - Dal 2000 a oggi, un posto letto...

Chiudi