Ruby, Pdl chiede ad Alfano azione disciplinare contro i pm

CASO RUBY – Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, potrebbe essere interrogato riguardo a un’azione disciplinare contro i magistrati.  Alfano dovrebbe valutare”l’opportunità di intraprendere le iniziative ispettive e disciplinari di propria competenza” per fare le pulci ai pm di Milano che si occupano del processo Ruby. I capigruppo del Pdl, Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello, hanno avanzata la richiesta di interrogazione. Si sono verificate nell’azione della magistratura contro Silvio Berlusconi “palesi violazioni” della Costituzione, a parere dei due senatori. Tra l’altro, si citano le intercettazioni che hanno coinvolto il presidente del Consiglio e sono state poi pubblicate dai giornali.

L’obiettivo è quello di verificare “la correttezza o meno dell’operato della procura di Milano in ordine alle prerogative parlamentari previste dall’articolo 68 della Costituzione, con particolare riguardo all’intercettazione indiretta di comunicazioni e all’acquisizione di tabulati telefonici”. Si chiede inoltre di valutare “la regolarità della tempistica di iscrizione sul registro degli indagati dell’onorevole Berlusconi, onde accertare che pur in presenza di un’attività investigativa già chiaramente indirizzata, tale procedura di garanzia non sia stata ritardata al fine di consentire la praticabilità del rito immediato e agevolare la prosecuzione dell’attività intercettiva in violazione della legge”.

Gasparri e Quagliariello spiegano che le intercettazioni “in base alle interpretazioni dell’articolo 68, riportate da numerose sentenze della Consulta, e alla legge Boato le intercettazioni telefoniche di un parlamentare possono essere usate solo se casuali mentre le parole stesse del procuratore Bruti Liberati nel chiedere una proroga per l’attività di intercettazione sono la dimostrazione che non erano casuali o fortuite ma mirate e in ultima analisi fatte senza autorizzazione del parlamento. Quindi – concludono Gasparri e Quagliariello – o si smonta tutto l’impianto accusatorio contro Berlusconi o è palese che è stata violata la legge”.

“È stata fatta una scientifica, mastodontica e mirata attività di incrocio dati”, un’azione spoporzionata contro Berlusconi. Gasparri ha aggiunto:”la Costituzione, le leggi e le sentenze della Consulta valgono anche per Berlusconi o no? Qui siamo di fronte a uno stravolgimento ad personam e dunque noi chiediamo a tutto il parlamento di prendere coscienza che con questa attività si squilibra il rapporto tra giustizia e politica”.

“Il fatto che un processo si sospenda quando c’è un conflitto di attribuzione è una prassi, mi auguro che non ci sia bisogno di un emendamento perché ciò avvenga…”. Così la pensa Gasparri.

Check Also

pensioni news precoci ape

Pensioni ultime novità APE volontario: pronte assicurazioni e banche, manca solo Garante

PENSIONI ULTIME NOTIZIE SU APE VOLONTARIO (17 NOVEMBRE 2017) – TUTTO PRONTO, AGGIORNAMENTI ULTIMA ORA  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
FARMACI GENERICI/ oggi in vigore i nuovi prezzi

FARMACI GENERICI - Entrano in vigore oggi, venerdì 15 Aprile 2011, i nuovi prezzi dei...

Chiudi