Scadenza IMU 2012, seconda rata, meno di una settimana

Seconda rata IMU 2012, pagamento online, con bollettino postale, o con F24. La scadenza si avvicina, leggi i nostri approfondimenti.

Ci sono diverse cose da sapere sul pagamento dell’IMU 2012, la tassa sulla casa che ha fatto storcere in naso a tutti quegli italiani che avevano votato Berlusconi per quel famoso exploit da Vespa: “eliminerò l’ICI”. L’ICI la eliminò davvero, ma oggi ne stiamo pagando le conseguenze?  Una tassa poteva salvare l’Italia ?

Non giriamoci intorno, che ci piaccia o no l’IMU è qualcosa con cui dovremo fare i conti.

Il primo approfondimento che proponiamo è sulle regole per il pagamento dell’IMU. A seconda della tipologia di immobile, e di svariati altri parametri, il calcolo della rata IMU sarà molto diverso, di cittadino in cittadino. Scopri le regole dell’IMU 2012 qui.

Una seconda nota, doverosa, da dedicare al pagamento seconda rata IMU 2012, è da dedicare alle modalità. Come spiegato nel dettagli qui ci sono diverse strade da battere per il pagamento della tassa sulla casa. E’ possibile pagare l’IMU attraverso gli istituti bancari, con una carta di credito, dal commercialista, alle Poste con il bollettino. I modi per pagare l’IMU sono diversi, andando incontro alle diverse esigenze dei cittadini, dai cittadini 2.0 a quelli ancora legati alle vecchie tradizioni, che non hanno neanche domiciliato la bolletta del gas.

Due numeri, infine, sull’odiata IMU. Circa il 13% degli italiani, ad esempio, non dovrà pagarla. Le ragioni? Presto detto, si tratta di quei milioni di cittadini che non hanno avuto accesso al credito (o al lavoro) e che si trovano nella condizione di dover pagare ogni mese cospicui affitti, per avere un tetto sopra la testa.

Ma l’IMU, ce la dobbiamo proprio sorbire? E sopratutto, ce la sorbiamo solo noi italiani ? Assolutamente no. Diffidate da quei politici che dicono che l’IMU è una tassa tutta italiana. L’anomalia a livello europeo non è infatti l’IMU ora, ma l’assenza di IMU prima. Fra i Paesi europei dove c’è l’IMU (una tassa similare, si intende) possiamo citare con certezza Francia, Germania, Regno Unito, Irlanda, Olanda, Spagna, Portogallo. Persino in Irlanda, dove la tassazione per le aziende è fra le più basse del mondo, tanto che quasi tutti i big dell’IT in Europa domiciliano lì (Facebook e Google fra i molti), c’è una tassa sugli immobili.

Eravamo stati viziati, e oggi ne paghiamo le conseguenze?

Check Also

PIR, buone notizie per i risparmi delle famiglie italiane

Le piccole e medie imprese sono senza dubbio il motore dell’economia italiana e quello appena …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Video comunicato di Beppe Grillo sulle elezioni 2013

Beppe Grillo tira fuori gli artigli, dopo la polemica innescatasi in merito alla cacciata di...

Chiudi