Sen. Ricchiuti (PD): Il mio partito ha ingannato gli elettori (audio)

Ricchiuti: “Il mio partito ha ingannato gli elettori”. Affermazione forte quella della senatrice Ricchiuti, in quota PD. Classe ’56, eletta in Lombardia, Lucrezia Ricchiuti ha un’idea molto chiara sul modus operandi del Partito Democratico: si ascolta il diktat del Governo, si vota la fiducia, si votano i decreti, le emanazioni, si tiene in sesto la maggioranza. Anche a costo di tradire l’elettorato.

“Credo che sia un esempio talmente grave, anzi, gravissimo, per cui un ministro dell’Interno non può ricoprire quella carica”, apre così il Senatore, rifendosi al caso kazako e calcando la mano: “Il mio partito doveva costringerlo (Alfano ndr) alle dimissioni”.

Lucrezia Ricchiuti non votò neanche la fiducia al governissimo Letta-Alfano. Per la senatrice Ricchiuti cercare la mediazione con il Movimento 5 Stelle, piuttosto che tornare a giocare insieme al PDL come avvenuto per il governo Monti, sarebbe stata la soluzione migliore: “Abbiamo fatto propaganda elettorale su certi temi, che poi sono stati puntualmente disattesi, noi abbiamo ingannato i nostri elettori, non si può raccontare una cosa e poi farne un’altra”.

Ricchiuti apre un capitolo anche sulla democrazia interna al PD, dove “le decisioni non le prendono i (miei) colleghi”, lasciando intendere che all’interno del Partito Democratico, di democratico c’è davvero ben poco. Un governo imposto, promesse elettorali disattese, dunque completa delegittimazione della volontà popolare che aveva espresso un voto in una certa direzione (vedi caso F35 o i fondi tagliati per la promessa espansione della banda larga) e poi ha visto realizzarsi uno scenario totalmente opposto.

Lo stesso premio di maggioranza sarebbe una truffa legalizzata, a questo punto, con SEL che ha contribuito ad ottenerlo e poi è uscita dalla maggioranza nell’istante in cui il PD ha deciso di giocare la partita insieme al PDL. Facendo una rapida analisi vediamo il seguente risultato:

Coalizione Italia Bene Comune: 29.55% – Contributo di SEL: 3.20%
Coalizione Centro Destra: 29.18%

Dunque abbiamo un centrosinistra che ha avuto un premio di maggioranza completamente illegittimo, dal momento che Sel è passata all’opposizione. Il premio di maggioranza è stato delegittimato, magie del porcellum.

Il PD per godere legittimamente del premio di maggioranza avrebbe dovuto tenere l’alleanza con Sel, annoverando fra le sue fila un Nichi Vendola che avrebbe sposato diversi punti del programma M5S.

Il buon Vendola, arrivato a un certo punto della campagna elettorale, guardando il programma del Movimento 5 Stelle, forse si è mangiato le mani per non averlo sfornato lui quel programma.

Facezie a parte, è chiaro come le bugie del PD continuino ad essere sempre più lampanti: il Partito Democratico non solo non è il primo partito d’Italia, ma la coalizione che ha guidato, col senno di poi, non è neanche la prima coalizione d’Italia. Il PD governa per volere di Napolitano: per continuare a farlo sta attuando un programma che tutto è, tranne che di centrosinistra.

#LeBugieDelPD ormai sono sotto la luce del sole e questo la Ricchiuti proprio non poteva digerirlo.

Condividi questo articolo su Twitter, con l’hashtag #LeBugieDelPD


Check Also

pensioni news precoci ape

Pensioni ultime novità APE volontario: pronte assicurazioni e banche, manca solo Garante

PENSIONI ULTIME NOTIZIE SU APE VOLONTARIO (17 NOVEMBRE 2017) – TUTTO PRONTO, AGGIORNAMENTI ULTIMA ORA  …

One comment

  1. per questa l'Italia tutta è rovinata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Governo Letta decreto fare
Il Governo Letta e la dittatura della maggioranza immaginaria. 8.6 milioni di italiani sono invisibili

Il buongiorno si era visto dal mattino. Il modus operandi del Governo Letta è il...

Chiudi