Siria-Turchia/ ultime notizie Ansa: carri armati al confine

SIRIA TURCHIA ULTIME NOTIZIE – (Fonte: Ansa.it) 23 Giugno 2011. Cresce la tensione tra Siria e Turchia. Nonostante l’amnistia dichiarata lo scorso 21 giugno dal presidente siriano Bashar Al Assad, masse di profughi continuano nel loro tentativo di lasciare il paese per rifugiarsi nella vicina Turchia. Soldati e carri armati siriani sarebbero stati schierati a meno di un kilometro dal confine col vicino anatolico. Sarebbero addirittura visibili dalla città turca di Guvecci, dipingendo, nel caso di un attacco, scenari davvero foschi per tutta la stabilità regionale, in una zona in cui gli equilibri sono, soprattutto oggi, altamente fragili. L’amnistia dei giorni scorsi sarebbe stata la terza dall’inizio delle proteste contro il regime, al potere ininterrottamente da 11 anni. Continuano gli scontri tra i sostenitori e gli oppositori del governo. Nei prossimi giorni è prevista una nuova manifestazione, organizzata dagli attivisti per la democrazia, che dovrebbe avere luogo nel centesimo giorno dall’inizio della rivolta. Tale giornata sarà realizzata in segno di lutto per tutti caduti degli ultimi mesi, quasi a ricordare i famosi funerali del ’79 iraniano in cui le morti erano esse stesse l’innesco di nuovi e maggiori sommovimenti popolari.

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali Renzi

Ultimi sondaggi politici elettorali: Pd mai così giù da anni, M5S cresce

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (13 FEBBRAIO 2018) – PD IN PICCHIATA, M5S PRIMO PARTITO Siamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Guerra in Libia 2011/ Gheddafi: contro Nato fino alla morte

GUERRA IN LIBIA 2011 - Muammar Gheddafi promette battaglia fino alla morte. Continuano le intimidazioni...

Chiudi