ultime notizie pensioni

Ultime notizie pensioni: le novità di Boeri bocciate da Renzi

ULTIME NOTIZIE PENSIONI (6 NOVEMBRE 2015) – Le novità di Tito Boeri sono state bocciate dal governo Renzi: vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta.

Le proposte del presidente dell’Inps erano state presentate a Matteo Renzi a giugno 2015. A prescindere dal merito delle idee di Boeri, da subito c’è stato chi (come Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera) ha invitato Tito Boeri a occuparsi del suo lavoro, visto che la riforma pensioni è compito dei politici.

Altre voci, almeno a parole, come quella del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, hanno considerato il progetto di Boeri come un utile contributo al dibattito sulla riforma pensioni (che, purtroppo, dopo mesi e mesi di accesissime discussioni sta finendo in un clamoroso buco dell’acqua, visto che nella legge di Stabilità del governo Renzi non ci sono novità di rilievo sulla previdenza).

ultime notizie pensioni

Ultime notizie pensioni (6 novembre 2015): Boeri propone reddito minimo per over 55, flessibilità e tagli ai vitalizi dei politici

Il governo Renzi ha bocciato le idee di Boeri perché si sarebbe trattato di mettere “le mani nel portafoglio a milioni di pensionati, con costi sociali non indifferenti e non equi”. Ci risiamo: quando si tratta di tagliare le pensioni d’oro, come vorrebbe fare Boeri, vengono a parlarci di iniquità e di diritti acquisiti.

La flessibilità in uscita è quindi rimandata. E possiamo anche scordarci il reddito minimo per gli over 55 (altra buona idea di Boeri), una misura che, per quanto parziale e non risolutiva del problema della povertà in Italia, avrebbe quantomeno dato una mano a chi è troppo vecchio per trovare un altro lavoro dopo averlo perso, ma è troppo giovane per aver maturato i rigidi requisiti pensionistici della riforma Fornero (difesa a spada tratta dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan).

Sempre sulle pensioni d’oro, l’Inps ha individuato circa 250.000 trattamenti pensionistici molto elevati e per lo più non coerenti con i contributi versati effettivamente, ma gonfiati dalle gestioni speciali e dal sistema retributivo.

Ultime notizie pensioni (6 novembre 2015): Renzi da ‘rottamatore’ a ultra-conservatore. Nel 2013 prometteva la rivoluzione, oggi protegge i soliti privilegiati

In poche parole, c’è chi mangia più di quello che gli spetterebbe e chi invece, a fronte di decenni di contributi versati, non riceve neanche un euro. Questa è l’Italia e al governo Renzi pare andare benissimo così.

I due pilastri portanti della riforma pensioni secondo il Boeri-pensiero sono l’abbattimento della povertà degli over 55 e una flessibilità maggiore per chi vuole uscire dal mercato del lavoro (ma è bloccato dalla riforma Fornero) e chi invece vorrebbe entrarci (quindi i giovani che si scontrano contro il blocco del ricambio generazionale).

Boeri vorrebbe anche tagliare su circa 4.000 vitalizi attualmente percepiti da politici che hanno ricoperto cariche elettive. Niente da fare, anche questi sono intoccabili.

E pensare che Renzi, quando nel 2013 aveva le primarie contro Bersani da vincere, voleva tagliare le pensioni d’oro per rilanciare il lavoro giovanile. Già, ma allora gli tornava comodo fare “l’antipolitico”: oggi che se ne sta incollato alla poltrona di Palazzo Chigi gli torna più comodo fare l’ultra-conservatore.

 

Check Also

pensioni news precoci ape

Pensioni ultime novità APE volontario: pronte assicurazioni e banche, manca solo Garante

PENSIONI ULTIME NOTIZIE SU APE VOLONTARIO (17 NOVEMBRE 2017) – TUTTO PRONTO, AGGIORNAMENTI ULTIMA ORA  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
aglio
Aglio, la cura tibetana per dimagrire e diminuire il colesterolo

Abbiamo già parlato dei benefici dell'aglio: oggi vedremo come, secondo una tradizione tibetana, l'aglio può...

Chiudi