pensioni ultime novità

Ultime novità pensioni reversibilità: soldi alle vedove ricche, giovani precari abbandonati

ULTIME NOVITA’ PENSIONI (12 LUGLIO 2017) – LE DIFFERENZE DI TRATTAMENTO FRA GIOVANI SENZA FUTURO E VEDOVE MILIONARIE

Le preoccupazioni sulla pensione di reversibilità del coniuge superstite sono per ora accantonate, mentre restano quelle dei giovani lavoratori precari.

Un sacrosanto diritto, cioè quello di una vedova di non finire in miseria dopo la morte del marito, diventa una spesa forse eccessiva se pensiamo che non c’è un limite massimo per percepire la reversibilità, cosa che praticamente succede solo in Italia: anche la vedova di un milionario percepisce comunque il 60% della pensione del coniuge passato a miglior vita.

Come funziona altrove con le pensioni di reversibilità? In Francia e in Germania sono legate al reddito: nel primo caso non vengono erogate a chi ha un reddito superiore ai 20.223 euro, nel secondo caso va sottratto dall’assegno il 40% del proprio reddito oltre i 771 euro, fino dunque a un possibile annullamento del trattamento pensionistico.

Si tratta di differenze non da poco, visto che l’Italia è il Paese che più di tutti spende in pensioni di reversibilità, il 2,8% del PIL, il 5,5% della spesa pubblica (il doppio della Francia).

Ultime novità pensioni reversibilità (12 luglio 2017): si spende per le vedove dei milionari, ma non per i giovani disoccupati e precari

A questo va ad aggiungersi il fatto che non siamo interessati alle pensioni integrative private e che il tasso di occupazione femminile in Italia è il più basso in Europa, due punti motivati dal fatto che confidiamo nell’assistenza dello Stato.

Questa generosità con le pensioni di reversibilità tra l’altro è strettamente collegata e

E mentre diamo soldi a vedove ricche, spendiamo di meno per i giovani e per le famiglie: il 3% della spesa, contro l’8,3% della Danimarca o il 4,4% della Francia

Stessa cosa per le politiche sulla disoccupazione: noi il 2,4%, in Germania il 4% (pur avendo meno disoccupati di noi!), il 6,3% in Irlanda.

Insomma, siamo in piena gerontocrazia: le esigenze e i privilegi della terza età hanno la precedenza su chi cerca lavoro o su chi vorrebbe mettere su famiglia.

Le pensioni di vecchiaia rappresentano il 64,3% della nostra spesa, 10 punti sopra la Francia, 16 punti oltre la Germania. Cifra a cui va aggiunto il 12,9% degli assegni di reversibilità.

Sul futuro dell’Italia non sembrano voler scommettere neppure i politici, visto che  le ultime notizie sulle pensioni sono piene di propaganda sull’aumento della quattordicesima e sull’anticipo pensionistico. Fare qualcosa per aiutare chi ha meno di 40 anni a trovare lavoro e accasarsi è fuori dall’agenda politica: meglio puntare sugli oltre 16 milioni di pensionati italiani.

Morale della favola: è vero che la pacchia è finita, e che anche i lavoratori anziani oggi hanno difficoltà nel tirare avanti e nel riuscire ad andare in pensione, chi ce l’ha fatta a lasciare il lavoro è sicuramente trattato meno peggio di chi oggi ha una prospettiva davvero funerea.

Cioè quella di lavorare come precario a vita per poi fare la fame da pensionato sociale… dopo i 70 anni (se ci si arriva).

 

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali aprile renzi

Sondaggi politici elettorali: dati catastrofici per il Pd, M5S sempre in testa

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (30 OTTOBRE 2017) – M5S PRIMO, IPSOS FOTOGRAFA IL CROLLO PD …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
ultimi sondaggi politici elettorali
Ultimi sondaggi politici elettorali: il Pd subisce un crollo clamoroso di 4 punti, M5S sempre primo

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (11 LUGLIO 2017) - M5S IMPRENDIBILE, PD IN CRISI. CENTRODESTRA RUGGENTE...

Chiudi