Ultimi sondaggi politici elettorali: 11 febbraio 2016, M5S inaffondabile

ULTIMI SONDAGGI POLITICI (11 FEBBRAIO 2016) – Dopo le intenzioni di voto di Euromedia-Ballarò, oggi i sondaggi elettorali di Demopolis.

Nelle ultime settimane c’è stato un attacco concentrico al M5S. In particolare il Pd, con l’aiuto dei media, ha attaccato diversi sindaci pentastellati, con il chiaro intento di dimostrare che il MoVimento 5 Stelle non è capace di amministrare. Ultimo episodio quello del servizio de Le Iene contro Patrizio Cinque, sindaco di Bagheria.

Ebbene, nonostante questo (spesso controproducente) dispiegamento di forze della comunicazione Pd e dei media, il M5S ha subito perdite piuttosto contenute negli ultimi sondaggi politici elettorali, quantificabili in pochi decimali o al massimo in un punto percentuale.

E anche nei recenti dati di Demopolis il M5S resta più forte che nel 2013, anno in cui riscosse il 25.5% dei consensi elettorali alle elezioni Politiche.

Ultimi sondaggi politici elettorali (11 febbraio 2016): 5 punti fra Pd e M5S, Lega Nord solida sopra il 15%

Il Partito Democratico resta sopra la soglia del 32%, ma lontanissimo dallo stratosferico 40.8% delle Europee 2014 (risultato irripetibile e figlio della bassissima affluenza in quelle elezioni). Il M5S non affonda sotto le cannonate del Pd e dei media, restando fortissimo al 27%.

La Lega Nord di Matteo Salvini continua a oscillare fra il 15 e il 16%, manifestando una incapacità strutturale (almeno per il momento) di arrivare alla soglia del 20%.

sondaggi elettorali

Gli ultimi sondaggi politici elettorali di Demopolis dimostrano dunque che gli scenari politici nostrani non sono cambiati più di tanto, nonostante la ferocia della campagna elettorale iniziata con largo anticipo e che, presumibilmente, continuerà fino al referendum costituzionale di ottobre 2016.

Al momento, immaginando un voto con l’Italicum, è davvero difficile lanciarsi in un pronostico: molto dipenderà dalla linea del Centrodestra, una forza che in Italia ha un potenziale elettorale formidabile. Con un listone di Centrodestra compatto e un leader credibile come candidato Premier (forse qualcuno dall’immagine meno estremista di Matteo Salvini?), l’esito del ballottaggio è imprevedibile.

Il M5S resta una forza in grado di battere tutti al ballottaggio, ma il problema è arrivarci: per farlo, i pentastellati dovranno prendere più voti del listone di Centrodestra, impresa non banale.

Commenti

Check Also

pensioni ultime novità oggi

Pensioni ultime novità oggi: l’acqua scarseggia, la papera non galleggia

PENSIONI ULTIME NOVITA’ OGGI (13 AGOSTO 2016) – Proprio ieri, nell’intervista di Tommaso Nannicini al …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
ultimi sondaggi politici elettorali
Mentana sbeffeggia il Pd sulle unioni civili

Non le manda a dire Enrico Mentana, giornalista e direttore di Tg La7, intervenendo a...

Chiudi