10867900-Hills-of-the-Chianti-region-Florence-Tuscany-Italy-with-vineyards-at-summer-Stock-Photo

Viaggio a Firenze: itinerario alla scoperta del Chianti

La magia di Firenze non è dovuta esclusivamente alla ricchezza artistica e architettonica del suo centro storico, ma anche al meraviglioso paesaggio che la circonda.

Le colline che fanno da culla al capoluogo toscano custodiscono infatti un patrimonio naturalistico – oltre che eno-gastronomico – che in Italia ha pochi eguali.

Una delle zone che più merita di essere conosciuta è senz’altro quella dei Monti del Chianti, una vasta area collinare compresa tra Firenze e Siena. Su una superficie di circa 70 mila ettari, fasce boschive si alternano ad ampi terrazzamenti agricoli, dove – ed è probabilmente inutile dirlo – la regina delle coltivazioni è una sola: la vite. Questo territorio è infatti famoso in tutto il mondo per la produzione del Chianti Classico, celebre vino derivante dalla miscelatura di quattro vitigni – sangiovese, trebbiano, malvasia e canaiolo – la cui inimitabilità è oggi tutelata dalla denominazione di origine controllata e garantita – D.O.C.G.

Non solo: nascosti tra le colline del Chianti sorgono anche numerosi borghi dal fascino suggestivo, che custodiscono piccoli tesori di grande valore storico.
Chi pernotta a Firenze può raggiungere ed esplorare questa zona facilmente utilizzando l’auto, percorrendo la storica Via Chiantigiana – strada statale 222 Chiantigiana, verso Siena; chi invece vuole immergersi totalmente nella magia del paesaggio può scegliere di soggiornarvi e scoprirlo seguendo uno dei numerosi itinerari possibili, a piedi o in bicicletta.

Scegliete allora la sistemazione che fa per voi (cercare un hotel con Expedia o altri comparatori potrebbe rendere il tutto più facile) e partite alla scoperta del Chianti.
Seguendo il percorso definito dalla Via Chiantigiana, uno dei borghi più grandi e importanti è sicuramente Greve in Chianti. Qui si trovano alcune delle aziende agricole più conosciute in merito alla produzione vinicola.

Nella frazione di Greti, ad esempio, si trova il Castello di Verrazzano, la cui prima fondazione risale al XV secolo. Oggi è possibile accedervi tramite il cosiddetto wine-tour che, al prezzo di 18 €, permette di visitare la villa-fattoria e fare un’ottima degustazione di vini.
Al limite settentrionale di Greve, se dalla strada statale 222 risalite il versante destro della valle, vi imbatterete nel Castello di Uzzano.

L’imponente struttura, un tempo adornata di torri, oggi custodisce al suo interno una villa-fattoria affiancata da un vasto giardino all’italiana. La fama del suo Chianti precede quella dell’antico castello: provare per credere!
Da non perdere, inoltre, è Montefioralle, frazione di Greve in Chianti riconosciuta come uno dei Borghi più Belli d’Italia. Il suo castello è delimitato tutt’ora dalle mura medievali e l’antico abitato, caratterizzato da stretti vicoli e sottopassaggi, è in grado di portare il visitatore indietro nel tempo. Anche qui è possibile tastare con mano – o meglio, col palato – i prodotti di un’attività vinicola secolare.

L’Azienda Agricola Montefioralle, ad esempio, propone – esclusivamente su prenotazione – degustazioni e visite guidate presso il suo vigneto e le sue cantine.

Check Also

Nell'infografica realizzata da Centimetri Chi sono e che ruolo avevano i personaggi che componevano la cupola romana.
ANSA/CENTIMETRI

Mafia Capitale, clamorosa gaffe dell’Ansa su condanna Carminati

Massimo Carminati condannato a 28 anni. Ma anche no. Sono bastati 5 minuti all’Ansa per …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
disoccupazionegiovani-unicitta-it
Dati choc lavoro: un pezzo d’Italia è sparito, cancellato da disoccupazione

OLTRE MEZZO MILIONI DI ITALIANI CANCELLATI DALL'ANAGRAFE Un esercito di 509.000 connazionali si è cancellato...

Chiudi