visita fiscale

Visita fiscale, allarme fannulloni: ecco esenzioni su reperibilità

Visita fiscale, esenzioni, fasce di reperibilità e novità con il Jobs Act: fannulloni d’Italia, attenti a non esagerare!

Iniziamo con le fasce di reperibilità: la visita di controllo del medico fiscale Inps non verrà effettuata nel caso in cui il malato sia sotto terapia salvavita.

Ancora, se la patologia impone cure salvavita (per esempio la chemioterapia), oppure la malattia ha provocato la riduzione della capacità lavorativa stimata in almeno il 67%, in questi casi il lavoratore sarà esentato dalle fasce di reperibilità e non subirà la visita fiscale.

E’ quanto previsto da un nuovo decreto attuativo del Jobs Act, da poco pubblicato in Gazzetta Ufficiale (DM dell’11.01.2016 in Gazzetta Ufficiale n. 16 del 21.01.2016, in attuazione al dlgs n. 151/2015, art. 25.).

Quanto detto dovrebbe valere soltanto per il settore privato (anche se l’applicabilità del Jobs act anche al settore pubblico è materia di discussione non ancora esaurita, in particolar modo per l’abolizione dell’art.18).

visita fiscale

Qualche precisazione sulla visita fiscale, di norma effettuata dall’Inps sia per i lavoratori privati che per i dipendenti pubblici.

E’ il datore di lavoro a effettuare la richiesta di visita fiscale, operazione che può avvenire anche in “multitasking” attraverso il sito dell’Inps, con una richiesta multipla per più lavoratori contemporaneamente (con un massimo di 50).

Le richieste vengono smistate quotidianamente ai medici di competenza se giunte entro le ore 9 (per la mattina) ed entro le ore 12 (per il pomeriggio).

Le fasce orarie di reperibilità

Per i dipendenti del settore privato, le fasce orarie di reperibilità sono:

-al mattino: dalle ore 10 alle ore 12
-al pomeriggio: dalle ore 17 alle ore 19.

Per i dipendenti del settore pubblico, le fasce orarie di reperibilità sono:

– al mattino: dalle ore 9 alle ore 13
– al pomeriggio: dalle ore 15 alle 18.

Attenzione: il lavoratore non solo deve essere presente, ma deve cooperare all’effettuazione della visita, aprendo subito al medico e curandosi del fatto, per esempio, che il suo nome sia chiaramente presente sul citofono. Inottemperanze che ostacolino la visita fiscale comportano l’annullamento del trattamento per la malattia.

Le conseguenze dell’assenza ingiustificata

Prima visita Perdita totale di qualsiasi trattamento economico per i primi 10 giorni di malattia

Seconda visita Oltre alla precedente sanzione, riduzione del 50% del trattamento economico per il residuo periodo

Terza visita L’erogazione dell’indennità economica previdenziale a carico INPS viene interrotta da quel momento e fino al termine del periodo di malattia: il caso si configura come mancato riconoscimento della malattia ai fini della corresponsione della relativa indennità

Le assenze giustificate

Nessuna sanzione nei seguenti casi:
– ricovero ospedaliero;
– periodi già accertati da precedente visita di controllo;
– assenza dovuta a giustificato motivo.

L’assenza è giustificata nei seguenti casi:
– forza maggiore;
– situazioni che abbiano reso imprescindibile ed indifferibile la presenza del lavoratore altrove;
– concomitanza di visite, prestazioni e accertamenti specialistici quando si dimostri che le stesse non potevano essere effettuate in ore diverse da quelle corrispondenti alle fasce orarie di reperibilità.

Le nuove esenzioni del Jobs Act

Secondo la riforma del lavoro del governo Renzi sono state“stabilite le esenzioni dalla reperibilità per i lavoratori subordinati dipendenti dai datori di lavoro privati” [il Job Act ha modificato il comma 13 dell’art. 5 del dl n. 463/1983 (convertito con la legge n. 638/1983)].

Le nuove esenzioni:

– patologie gravi che richiedono terapie salvavita: in tal caso, la patologia deve risultare da apposita documentazione rilasciata dalle strutture sanitarie, che attesti la natura della patologia e la specifica terapia salvavita da fare;

– stati patologici sottesi o connessi alla situazione d’invalidità riconosciuta: in tale ipotesi, invece, l’invalidità deve aver determinato una riduzione della capacità lavorativa nella misura pari o superiore al 67%.

La domanda è però questa: i famigerati fannulloni si approfitteranno anche di queste nuove esenzioni?

Check Also

Perché è importante convertire i propri filmati in un formato diffuso

Il mondo dei media è cresciuto a dismisura tanto da portarci a fruire di filmati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Il Pd infanga M5S su Facebook, gli elettori Pd commentano indignati

“Il vero potere risiede nelle mani dei detentori dei Mass Media”, diceva il fu 'maestro...

Chiudi