voucher-riforma-PrestO-manovrina

Voucher 2, la vendetta: cosa sono PrestO e Libretto Famiglia

IL RITORNO DEI VOUCHER: PRESTO E LIBRETTO FAMIGLIA

Come avevamo pronosticato sui voucher tempo fa (ogni tanto ci azzecchiamo), sono puntualmente tornati.

Hanno cambiato nome, si sono sdoppiati, ma sono sempre i buoni, cari e vecchi voucher: ora si chiamano PrestO e Libretto Famiglia.

Secondo Federico Martelloni, professore di Diritto del Lavoro all’Università di Bologna, sono “come quelli precedenti”. “Anche i nuovi voucher rappresentano un contratto di lavoro senza un vero rapporto di lavoro. E il datore continua a non farsi carico dei diritti del lavoratore stabiliti dalla Costituzione”.

Il lavoro-sveltina, una botta e via: in gergo tecnico, “Contratto di prestazione occasionale”.

Per le amici, i nuovi voucher. E sono già legge, infilati in fretta e furia nella manovra correttiva da 3,4 miliardi, fresca fresca di approvazione.

“Non è stato possibile modificare nulla. D’altronde il governo ha compresso i tempi, il decreto scadeva il 23 giugno”, spiega Barbara Lezzi, portavoce dei Cinquestelle in commissione Bilancio a Palazzo Madama. “Noi ci abbiamo provato, lunedì, presentando un emendamento per stralciare i nuovi voucher – conferma Barbara Guerra, capogruppo di Mdp – Ma lo hanno votato solo i pentastellati, e dunque è stato bocciato”.

Federico Martelloni, professore di Diritto del Lavoro all’Università di Bologna, spiega così i nuovi voucher: “Strumenti parzialmente diversi rispetto a quelli abrogati nel marzo scorso, ma che presentano ugualmente evidenti storture. E che soprattutto ripropongono lo stesso sostanziale paradosso: creano, cioè, una forma di contratto con tutele minime per coprire delle tipologie di lavori per i quali i contratti già ci sono, dal part-time al lavoro a chiamata, e sono anche quelli già abbastanza precari”.

Per le aziende è prevista la possibilità di attivare, attraverso il sito online dell’Inps, un mini contratto occasionale con una paga oraria minima di €9 e il 33% di contributi a carico del datore di lavoro. Contemplato inoltre un premio assicurativo per gli infortuni.

Per i lavori agricoli, invece, la paga minima potrà essere anche inferiore.

 Cambia la modalità di acquisto, stavolta attraverso internet e non più con i vecchi tagliandi in tabaccheria.

I nuovi voucher saranno utilizzabili dalle aziende con un massimo di 5 lavoratori subordinati. “Il che – sottolinea il giuslavorista Martelloni – significa includere la stragrande maggioranza delle attività che compongono il nostro tessuto imprenditoriale”.

In via eccezionale,  i nuovi voucher potrebbero essere usati anche dall’amministrazione pubblica, ad esempio nell’organizzazione di eventi particolari.

Ridotti i tetti massimi di retribuzione annui: non si potranno chiedere o effettuare prestazioni per oltre 5mila euro all’anno. Il limite per il sicuro committente è di €2500.

“Siamo sempre lì – dice Martelloni – come quelli precedenti, anche i nuovi voucher rappresentano un contratto di lavoro senza un vero rapporto di lavoro. In altre parole – insiste il professore – il datore continua a non farsi carico dei rischi e delle responsabilità connesse alla prestazione di cui usufruisce, dalla copertura infortunistica al riconoscimento delle ferie retribuite. Diritti, tra l’altro, stabiliti dalla Costituzione”.

Check Also

pensioni ultime novità precoci

Il Governo Gentiloni perde pezzi: si dimette un ministro

Il Governo Gentiloni perde il suo ministro degli Affari Regionali. Enrico Costa, Alternativa Popolare, si è …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
pensioni-arriva-la-quattordicesima-anche-per-pensioni-fino-a-1-000-euro_873129
Quattordicesima, l’aumento sulle pensioni è un’elemosina: meno di 21 euro in media

PENSIONI ULTIME NOTIZIE QUATTORDICESIMA (16 GIUGNO 2017) - ECCO DI QUANTO AUMENTA IL TRATTAMENTO INPS...

Chiudi