Voucher

Voucher, diventeranno tracciabili: ecco cosa cambia

Con il Jobs act si è registrata l’esplosione dell’uso dei voucher, i buoni lavori con i quali spesso si mascherano rapporti di lavoro dipendente continuativo.

Per limitare sfruttamento della manodopera e abusi assortiti, sarebbe in arrivo un decreto legislativo la tracciabilità dei voucher.

Cosa cambia? Chi violerà le norme subirà pene fino a 2.400. L’azienda, con un anticipo di almeno 60 minuti sull’inizio della prestazione lavorativa, dovrà comunicare con una email o con un sms, alla sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro,  il codice fiscale o i dati anagrafici del lavoratore, insieme alla durata del lavoro e il luogo di svolgimento dello stesso.

Le sanzioni, in caso di mancato adempimento, andranno dai 400 ai 2.400 euro di multa per ognuno dei lavoratori non tracciati correttamente.

Voucher

Voucher: diminuisce il limite di tempo per comunicare i dati del lavoratore, non cambia il limite delle retribuzioni

L’attuale norma, contenuta nel Jobs act, prevede invece un tempo limite di 30 giorni: una misura troppo larga che ha dato luogo a un abuso nell’utilizzo dei voucher (un caporalato 2.0).

Vedremo se questa tardiva correzione al Jobs act servirà davvero a qualcosa o se, come al solito, fatta la regola si troverà l’inganno.

Viene invece confermato il limite dei 7.000 euro per la prestazione complessiva e dei 2.000 euro per ogni prestazione singola: in campo agricolo viene considerato solo il limite complessivo e non quello di ogni singolo committente.

Limiti, francamente, troppo ampi ed entro i quali, ne abbiamo pochi dubbi, sarà facile sfruttare i nuovi super-precari, allontanando sempre di più la speranza di un vero contratto di lavoro.

ps. da notare bene che al momento, come spesso accade, si tratta solo di un annuncio del governo Renzi, quindi per ora l’uso selvaggio dei voucher rimane inalterato

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali

Ultimi sondaggi politici elettorali: M5S e Lega stratosferici, insieme valgono il 54,3%

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (5 GIUGNO 2018) – Le intenzioni di voto delle ultime settimane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
sondaggi clandestini
Sondaggi clandestini: “vendite di auto” a Milano, Roma, Napoli, Torino e Bologna

Domenica 5 giugno 2016 di vota per le elezioni Amministrative: i sondaggi politici elettorali sono...

Chiudi