gioco_azzardo-1

Gioco fisico e gioco online, sull’onda delle regolamentazioni

In principio fu la legge sulla stabilità 2017…

…che nella sua parte dedicata al contrasto del gioco d’azzardo prevedeva a partire dal 1° gennaio dello stesso anno un taglio del 30% del parco slot machine installate nelle attività commerciali: il tutto a vantaggio del gambling online, in crescita continua dal 2014.

A questa si aggiunge una discussione mai interrotta, che recentissimamente ha portato ad esempio la Commissione Bilancio della Camera ad approvare la Manovra Bis, contenente anche una serie di provvedimenti sul gioco e discussa alla Camera il 30 maggio.

Se il Movimento Cinque Stelle è contrario a qualunque incoraggiamento al gioco e anche al recupero della tassazione, il Movimento Democratico e Progressista sottolinea come la riduzione della presenza di slot machine potrebbe essere d’aiuto nella cura di una crescente ludopatia.

Il presidente del Senato Piero Grasso ha riferito che, dopo l’esame delle commissioni Affari costituzionali e Bilancio del Senato la prossima settimana, il testo approderà in Aula nei giorni attorno al 13 giugno.

Il dibattito sul gioco, fisico od online che sia, non accenna a placarsi: risalgono solo a un paio di settimane fa le dichiarazioni di Antonio Martusciello – commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni –, che in occasione dell’incontro dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria ha invocato regole precise e prive di ambiguità per il settore del gaming online, e in particolare in materia di comunicazione promozionale, per migliorare l’etica e l’autodisciplina degli operatori, fondamentali in una materia così delicata e costantemente a rischio di oltrepassare il confine che separa un sano divertimento dal gioco d’azzardo patologico.

L’argomento di discussione non è poi così recente, se la questione delle disposizioni limitative in materia di pubblicità è stata affrontata già con la legge 208 del 2015 (legge di stabilità 2016), e se diverse regioni sono intervenute negli ambiti di loro competenza per il contenimento della promozione del gioco d’azzardo: Trentino Alto Adige, Veneto, Friulia Venezia Giulia, Val d’Aosta, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Lazio, Umbria, Molise, Puglia, in sostanza la gran parte delle regioni della Penisola si è attivata con leggi locali per disporre il divieto della pubblicità all’apertura o alle attività delle sale da gioco d’azzardo, fino alla recente sentenza del TAR del Lazio del 2017 che, nel caso del ricorso della Sisal sulla questione Win for Life, ha respinto il ricorso stesso con la motivazione che “in un simile settore, ove i consumatori spesso esercitano scelte ‘d’impulso’, il loro comportamento può essere maggiormente condizionato dall’uso di claims perentori e ingannevoli sul reale contenuto delle regole del gioco e sulla effettiva possibilità di successo”.

La materia del gioco, di per sé fluida e, da un punto di vista assoluto, di difficile regolamentazione, è soggetta a continui adattamenti, in regime di reciprocità con le norme che cercano di disciplinarla. Chi intende svagarsi dedicando una parte del proprio tempo libero a giocare online fa bene ad affidarsi a siti come Casino.com Italia, sempre al passo con l’adempimento alle norme e sempre impegnati a garantire ai propri giocatori un’esperienza di gioco eccitante ma semplice da gestire, sicura perché certificata AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) e affidabile poiché sovrintesa da un’efficiente assistenza clienti disponibile sette giorni su sette e ventiquattr’ore su ventiquattro.

Come scritto più sopra, il vantaggio delle misure restrittive previste nei regolamenti imposti al gioco viene colto e utilizzato dal settore gambling online, come dimostrato recentemente, ad esempio, dall’impennata del betting nel febbraio 2017, in occasione della ripresa della Champions League, ma anche di tornei o partite importanti di basket e tennis, veicolato da app dedicate che consentono di scommettere ovunque, persino mentre si assiste alle partite allo stadio.

Check Also

sondaggi-politici-elettorali

Ultimi sondaggi politici elettorali: Centrodestra travolgente, sorpresa su PD e M5S

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (11 SETTEMBRE 2017) – FRA PD ED M5S GODE IL CENTRODESTRA? …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
M5S Lega Nord
Sondaggi politici elettorali: boom M5S, ecco cosa succede con legge tedesca

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (4 GIUGNO 2017) - M5S VOLA, MA ATTENZIONE AL VOTO "TEDESCO"...

Chiudi