pensioni news

Novità pensioni precoci e Ape: tutte le ultime dichiarazioni importanti

PENSIONI ULTIME NOVITÀ SU PRECOCI E APE (21 GIUGNO 2017) – AGGIORNAMENTI SULLA RIFORMA IN CORSO

Quota 41 e precoci: le ultimissime news di oggi, con le dichiarazioni più importanti dei personaggi coinvolti nella riforma pensioni.

“E’ iniziato il tour de force per la presentazione delle domande di APE sociale, finalizzate all’accompagnamento alla pensione di coloro che hanno 63 anni di età e di quelle per la pensione anticipata rivolta ai lavoratori precoci, ovvero coloro che hanno dodici mesi di contributi versati prima dei 19 anni di età”.

A dirlo Fulvia Colombini, del collegio di presidenza Inca, il patronato della Cgil. “Queste due agevolazioni -sostiene- sono il frutto di un verbale di sintesi tra il governo e le organizzazioni sindacali confederali Cgil, Cisl e Uil, firmato a settembre 2016 e sono state inserite dal Parlamento nella legge di Bilancio 2017, affinché fossero operative a partire dal 1° maggio 2017.

Il governo aveva, inoltre, il compito di pubblicare due decreti attuativi della citata legge di Bilancio, entro 60 giorni dalla sua entrata in vigore (pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso dicembre 2016)”.

I decreti attuativi, “dopo una lunga quanto inspiegabile attesa, sono stati pubblicati la sera di venerdì 16 giugno – ricorda – e le procedure informatiche per l’invio delle domande stesse sono state messe a disposizione da Inps, a partire da sabato 17 giugno”.

Boom per le domande, migliaia sperano nelle nuove pensioni anticipate.

“I tempi per la presentazione delle richieste risultano quindi ristrettissimi -avverte- perché il termine è previsto per il 15 luglio 2017; cioè, neppure un mese a fronte dei 6 mesi impiegati dal governo per emanare i decreti attuativi.

Già da ieri, a partire dalle prime ore del mattino, nei nostri uffici si stanno riversando migliaia di lavoratori e disoccupati che chiedono di poter fare la domanda.

I primi dati diramati da Inps, certificano che sono state inviate oltre 8.200 richieste. Si sta diffondendo la psicosi di non arrivare in tempo perché non tutti coloro che avanzano la domanda potranno accedere al pensionamento anticipato visto che i fondi a disposizione sono limitati”.

“L’Inps -spiega Fulvia Colombini- ha il compito di stilare una graduatoria, dopo il 15 luglio, per certificare chi entra e chi sta fuori. Tra i criteri della graduatoria, oltre ai requisiti anagrafici, contributivi e soggettivi delle persone, come ad esempio, essere invalidi o disoccupati, svolgere lavori gravosi, oppure assistere un parente di prima grado disabile, ecc., il governo ha avuto la brillante idea di inserire anche che a parità di condizioni si terrà in considerazione la data e l’ora di presentazione della domanda.

Pertanto, tutti cercano di assicurarsi che la richiesta venga inviata il più presto possibile”.

Check Also

Renzi PD

Ultimi sondaggi elettorali, dati choc: M5S sopra 30%, Pd sprofondato dal Rosatellum

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (27 OTTOBRE 2017) – EFFETTO ROSATELLUM, M5S VOLA PD AFFONDA Dopo …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Maturità 2017 tracce: oggi prima prova, Caproni con ‘Versicoli quasi ecologici” (TESTO)

MATURITÀ 2017 - ECCO TRACCE PRIMA PROVA, OGGI 21 GIUGNO Maggioranza bulgara per gli ammessi...

Chiudi