Salvini Renzi

Matteo Renzi: “aiutiamoli casa loro”, cosa c’è dietro la svolta sull’immigrazione del Pd

QUELL’ “AIUTIAMOLI A CASA LORO” E’ UNA STRIZZATA D’OCCHIO DI MATTEO RENZI A MATTEO SALVINI?

La legislatura è politicamente morta: il governo Gentiloni si trascina con questioni di interesse non prioritario (su Ius Soli e sull’apologia del fascismo ci sono già leggi funzionanti), dando l’impressione di essere alla ricerca di un motivo di esistenza, un esecutivo in cerca d’autore.

In realtà, a noi pare, questo governo e questo Parlamento hanno soltanto altre due cose da fare prima di essere archiviati: la legge di Bilancio e la legge elettorale.

Da qui al voto del 2018, potete scommetterci, alla Camera e al Senato si accapiglieranno su questioni di alta filosofia, ma stringi stringi sono due gli argomenti di cui si parla nei corridoi dei palazzi: come si andrà a votare e come fare per arrivare ai numeri necessari a governare.

Con un elettorato spaccato in tre grossi  blocchi (Pd, M5S e Centrodestra), viene da sé che nessuno può farcela da solo. E allora si cerca di tenersi ogni strada aperta.

Salvini non parla troppo male del M5S, per esempio. Berlusconi parla male del M5S, perché teme un’intesa fra loro e la Lega Nord.

E Renzi? Renzi se ne esce con un “aiutiamoli a casa loro” che lascia tutti allibiti. Il post apparso e scomparso da Facebook ha fatto sembrare questa uscita come un maldestro errore di comunicazione.

Lo stesso Renzi, intervistato da Mentana, dice che chi pensa a una sua alleanza con Salvini  dovrebbe farsi vedere, che forse è colpa del caldo.

Sarà il caldo, ma non ne siamo convinti: l’ex Premier è uno che non butta frasi a casaccio, consapevole della potenza di certe formule magiche chiamate slogan.

Renzi non poteva non sapere che dicendo “aiutiamoli a casa loro” tutti avrebbero pensato a un loro avvicinamento alla Lega Nord.

E se il Pd inizia a pensarla come Salvini, perché non dargli il ministero dell’Interno (vero obiettivo del segretario padano) in cambio dei voti della Lega in Parlamento?

E’ una questione matematica: il Pd per governare può guardare a sinistra oppure al centrodestra.

Con la sinistra non ci si arriva. E con Berlusconi e basta, ancora una volta non ci si arriva. Se invece si convince Salvini, i numeri ci sono: le Larghissime intese.

Ma come lo giustifica Salvini un appoggio a un governo con dentro il Pd? Semplice: dicendo che è un’occasione da non perdere, perché danno l’Interno alla Lega e finalmente i migranti andranno fuori dalle scatole. L’elettorato di Centrodestra è molto più elastico di quello di sinistra: quando c’è da vincere, i compromessi vanno bene (e le Amministrative 2017 lo hanno dimostrato).

Considerando che il M5S non darebbe mai il ministero a Salvini, le Larghissime intese sono uno scenario auspicabile anche per la Lega.

Tutti (o quasi) contro i pentastellati, con una sinistra residuale e cinque anni di governo a botte di decreti legge e fiduce assicurati.

Mica male.

Check Also

pensioni ultime novità precoci

Il Governo Gentiloni perde pezzi: si dimette un ministro

Il Governo Gentiloni perde il suo ministro degli Affari Regionali. Enrico Costa, Alternativa Popolare, si è …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
sondaggi politici elettorali m5s pd
Sondaggi politici elettorali: resa dei conti fra Pd e M5S, la media di questa settimana

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (14 LUGLIO 2017) - SI AVVICINA L'ORA DELLA VERITA' FRA M5S...

Chiudi