pensioni ultime notizie Boeri Poletti

Pensioni novità sull’età pensionabile: Poletti temporeggia, ma la verità è un’altra

ULTIME NOVITA’ PENSIONI (15 LUGLIO 2017) – POLETTI PRENDE TEMPO, MA SI E’ GIA’ CAPITO DOVE SI VA A PARARE

L’età pensionabile aumenta a 67 anni nel 2019? Sì o no?

La risposta dell’ultima ora del ministro del Lavoro Giuliano è un forse, anzi un vedremo: “Ne parleremo dopo l’estate, quando avremo le informazioni dall’Istat che ci darà i nuovi dati” sulla speranza media di vita “e avremo il quadro della situazione”.

I sindacati, come al solito, protestano: “Il ministro del Lavoro sembra non cogliere la sollecitazione che Cgil, Cisl e Uil hanno evidenziato con l’attivo di ieri. È necessario che il Governo si impegni a bloccare l’innalzamento dell’età pensionabile” ha spiegato Roberto Ghiselli, segretario confederale Cgil.

“Le ragioni per bloccare l’innalzamento dell’età pensionabile sono evidenti già ora e non è pensabile aspettare l’autunno per affrontare questa questione. L’Italia è il paese che ha già l’età di pensione più alta in Europa e un ulteriore balzo renderebbe la cosa socialmente insostenibile”.

E su questo Ghiselli non ha torto, visto che ovunque in Europa in fatto di pensioni se la passano meglio di noi, specialmente in paesi come la Danimarca dove si va in pensione a 65 anni.

Pensioni ultime novità (15 luglio 2017): Poletti prende tempo, cercano di trovare il modo per rimandare l’aumento dell’età pensionabile al dopo elezioni?

La situazione è che una legge creata fra il 2009 e il 2010 (quando era ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, che oggi insieme a Cesare Damiano si è scoperto nemico dell’aumento dell’età pensionabile derivante proprio da una sua legge) determina una calibrazione biennale fra aspettativa di vita ed età pensionabile.

Serve però un decreto direttoriale dei ministeri del Lavoro e dell’Economia per eseguire quanto disposto dalla suddetta legge. Decreto che deve arrivare entro il prossimo autunno. Di conseguenza le pensioni di vecchiaia dovrebbero arrivare più tardi, con un risparmio stimato di 1,2 miliardi.

Come abbiamo già spiegato fra le righe delle nostre ultime notizie sulle pensioni, secondo noi non andrà così, per un motivo molto banale: a primavera 2018 si vota.

E nessuno vuole prendersi la colpa di spostare ancora più in là le pensioni. La nostra scommessa è che il governo prenderà tempo, scaricando la patata bollente su chi verrà dopo: nella legge di Bilancio troveranno il modo non di annullare l’aumento dell’età pensionabile, bensì di rimandarlo, magari allungando la cadenza dell’adeguamento da biennale a triennale.

Dopo il voto ci sarà tutto il tempo di aumentare l’età pensionabile, magari con gli interessi.

Sul fronte Ape social, si segnala invece che oggi è la data di scadenza per la presentazione delle domande preliminari, utili al riconoscimento dall’Inps dei requisiti necessari per accedere all’anticipo pensionistico.

Check Also

Internazionalizzazione aziende: cos’è e perché è importante

L’internazionalizzazione delle aziende è un fenomeno che sta prendendo sempre più piede. Sempre più imprese …

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
Pensioni ultime novità età pensionabile: l’aumento a 67 anni non ci sarà, per ovvi motivi

PENSIONI ULTIME NOVITA' (14 LUGLIO 2017) - AUMENTO A 67 ANNI? IMPROBABILE NELLA PROSSIMA LEGGE...

Chiudi