sigarette elettroniche

Sigaretta elettronica fa male? Da Veronesi al Santone dello Svapo

SIGARETTA ELETTRONICA – FA MALE? Il fumo è una catastrofe mondiale, apre così il prof. Umberto Veronesi, dell’Istituto Europeo di Oncologia, luminare in materia, eccellenza italiana, in termini “numerici”, gli effetti del fumo sulla popolazione sono comparabili ad un aereo contenente 100 persone, che ogni giorno si schianta mandandole tutte all’altro mondo.

Chiarezza sulla sigaretta elettronica arriva da Veronesi: per quanto se ne sa oggi, svapare non fa male, e la sigaretta elettronica, caricando il tank con liquidi senza nicotina, è innocua. Un valido aiuto per smettere di fumare, come testimoniano i molti video presenti in rete, in cui comuni internauti diventati ambasciatori del verbo elettronico, esaltano gli ultimi 12, 16, diciotto mesi, in cui non hanno posato le labbra su una bionda.

Gli fa eco il Dott. Umberto Tirelli, responsabile del Dipartimento di Oncologia Medica del CRO di Aviano interviene a Uno Mattina sulla sigarette elettroniche, che conferma: “Le sigarette elettroniche non sono cancerogene”.

La sigaretta elettronica quindi, fa male? Secondo i dati che abbiamo in possesso, l’elemento più dannoso della sigaretta elettronica è, come nel caso delle bionde, la nicotina. Un veleno potentissimo che però il nostro organismo impara a tollerare microgrammo dopo microgrammo, con l’effetto collaterale di richiederne sempre di più, per avere soddisfazione.

Il test “da ignoranti”, senza essere luminari di questo, o di quello

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica, in molti testimoniano che è possibile senza fatica

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica sembra una realtà, e in generale ha una serie di vantaggi innegabili: l’eliminazione della combustione, innanzitutto, e non è cosa da poco. E’ infatti, oltre alla nicotina, nelle bionde tradizionali, anche quelle con tabacchi BIO, la combustione il peggior nemico della salute del fumatore. E’ stato stimato che oltre 4000 sostanze potenzialmente cancerogene vengono rilasciate in fase di combustione.

I trucchi per smettere di fumare con la sigaretta elettronica

Innanzitutto non fare gli eroi. Se andate a dormire che fumate venti sigarette al giorno, non potete svegliarvi e svapare un liquido senza nicotina, incrementando così la possibilità di fallire nello scopo. E’ meglio, invece, prendere un liquido a concentrazione 1.6% (16mg di nicotina ogni 1ml di liquido) e magari ridurre nel tempo: il sapore non ne risentirà. Lo stesso identico aroma tabaccoso è disponibile – sempre – sia con nicotina che senza. 

Non risparmiare sull’acquisto iniziale. Ci sono molti modelli di sigaretta elettronica, e per tutte le tasche. Iniziare con un modello da pochi euro, scarsa autonomia, scarsa qualità del vapore, nessuna regolazione della temperatura, potrà portare il fumatore a dire “hey, proviamo”, levandosi di tasca il corrispettivo di 3 pacchetti di sigarette, e sperando di aver risolta la vita. Non è così. Come per tutti gli hardware infatti, i soldi spesi – a seguito di doverose ricerche in materia – sono sinonimo di qualità. Acquistare un prodotto big battery con un buon cartomizzatore (il contenitore del liquido) non solo vi darà un piacere di svapo maggiore, facendovi dimenticare in fretta le sigarette classiche, ma sarà anche un impegno. In fondo avete fatto un acquisto importante, sull’ordine dei cento euro, è giusto onorarlo.

Provate diversi liquidi. L’ambiente dello svapo è ricco di sapori e aromi, dal tabaccoso al fruttato, dal biologico all’addizionato. Girateli tutti (rispettando le norme in materia, a tutela della salute) fintanto che non troverete quello che si adatta a voi, e non lo lascerete più.

Liquidi fai da te, una realtà. Se siete -ad esempio- amanti della pipa, saprete già che esiste un mondo ricco di sfumature: il legno, il tipo di tabacco, il grado di umidità. Questo panorama che consta migliaia di appassionati, si replica nell’ambiente dello svapo. Dai liquidi additivi ai più audaci che mettono a macerare misture di tabacco per estrarre il proprio liquido, ce n’è per tutti i gusti.

Forza di volontà, quella serve sempre, e via i pregiudizi. Fumatori? Mettetevi in testa che siete dipendenti da una sostanza. Ma non è quello il vostro peggior nemico, all’inizio di questa avventura. Smettere di fumare con la sigaretta elettronica: rimpiazza il gesto della sigaretta, quello della decantata dipendenza psicologica, e da al fisico quell’apporto di nicotina a cui era abituato dalle sigarette (con l’intenzione di ridurre via via, magari? Non c’è fretta, ma prima è, meglio è, pero’ si torna al punto 1: non fate gli eroi). Quindi, insomma, il grosso del lavoro resta sempre e comunque a voi: liberatevi dei pregiudizi e non solo ce la farete, ma scoprirete che quello dello svapo è un vizio più variegato di qualunque sigaretta analogica.

Uno dei canali più seguiti? Quello del santone dello svapo, un guru italiano della sigaretta elettronica, che vi prenderà per mano, accompagnandovi in quella che non è solo un’esperienza, ma è anche una soluzione per liberarvi delle sigarette classiche (o analogiche, come piace dire agli svapatori), puzzolenti e dannose sigarette classiche.

Check Also

Nell'infografica realizzata da Centimetri Chi sono e che ruolo avevano i personaggi che componevano la cupola romana.
ANSA/CENTIMETRI

Mafia Capitale, clamorosa gaffe dell’Ansa su condanna Carminati

Massimo Carminati condannato a 28 anni. Ma anche no. Sono bastati 5 minuti all’Ansa per …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
massa grassa
La spezia che riduce la massa grassa

Chi sta provando a perdere peso dovrebbe considerare di inserire il cumino nella propria dieta: uno...

Chiudi