auto elettriche

Auto elettriche: alla grande in UE, ma non in Italia

Avete già pensato a una soluzione ecologica per la vostra mobilità? Allora siete in buona compagnia: le immatricolazioni delle auto elettriche sono in ascesa nell’Unione Europea.

Il primo quadrimestre del 2016 ha registrato un aumento del 6,4%, dovuto al buon mercato delle plug-in, ibride ed elettriche.

Purtroppo l’Italia è in controtendenza: nel Belpaese si è registrato infatti un calo del 12.9%, dato che si unisce al fatto che l’80% delle auto “green” italiane sono a gas.

I dati arrivano da ACEA (Associazione Europea dei Costruttori di Autoveicoli), con la fotografia della situazione automobilistica italiana fra gennaio e aprile 2016.

Mentre in Italia arrancano, all’estero le auto elettriche e ibride sono in espansione notevole: in Spagna si può parlare addirittura di boom (+51,9%), seguono a ruota Francia (+28.7%) e Inghilterra (+23,7%) e, distanziata di qualche lunghezza, Germania (+13%).

auto elettriche

In Europa ci sono dunque 154.795 nuovi veicoli AFV (cioè ad alimentazione alternativa). Le auto elettriche segnano un +33.9%, le ibride un 23.5%.

Il ritardo del nostro Paese nel settore delle auto elettriche è un altro dei sintomi della nostre mentalità arretrata in fatto di energia: basti pensare che siamo fra i pochi a insistere con le fonti di energie non rinnovabili, come ben sanno i nemici delle trivellazioni selvagge in Basilicata e nei nostri mari.

Punto critico per il rilancio delle auto elettriche in Italia è quello della mancanza di un buon piano di incentivi, già presente invece in altre realtà europee: proprio in questi giorni è stata però presentata la Carta di Arese, un documento programmatico pensato per dare una mano al mercato delle auto ad energia alternativa.

“Tutto questo suona bene”, starà pensando qualcuno di voi, “ma poi cosa me ne faccio della mia auto a benzina?” Oltre alle classiche opportunità di vendita e rottamazione, oggi il Web offre soluzioni nuove e più semplici per disfarsi della vecchia auto e passare a un’elettrica o un’ibrida, con siti specializzati come noicompriamoauto.it.

Il governo sarebbe già al lavoro per mettere in pratica i meccanismi di agevolazione, i quali dovrebbero contemplare il consueto abbassamento del costo d’acquisto, unito a un abbassamento dell’IVA al 10% oppure una detrazione fiscale simile a quella valida per gli elettrodomestiche.

Se le aspettative sulla Carta di Arese saranno rispettate, potrebbe essere vicino il momento ideale per cambiare auto e fare una scelta ecologica.

Check Also

ultimi sondaggi politici elettorali

Ultimi sondaggi politici elettorali: M5S e Lega stratosferici, insieme valgono il 54,3%

ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI (5 GIUGNO 2018) – Le intenzioni di voto delle ultime settimane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookies [leggi l'informativa]. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Leggi articolo precedente:
pensioni ultime notizie
Pensioni ultime notizie: Ape e Rita, due novità che non convincono

PENSIONI ULTIME NOTIZIE (31 MAGGIO 2016) - Si aggiungono novità al mosaico della riforma del...

Chiudi